Napoli pregusta la rivincita: «Battiamo la Lazio»

sarri_napoli

L’esordio in Europa League è stato di quelli che fanno gran chiasso. Il Napoli rifila cinque reti al Brugges, la goleada ai belgi regala (finalmente) la vittoria e qualche convinzione in più. Ma dei tre punti, ora, ce n’è bisogno anche in campionato. In serie A, i partenopei di mister Sarri, non hanno ancora vinto: due pareggi e una sconfitta, magro bottino che è valso anche le critiche di Maradona. L’occasione è ghiotta, domani sera al San Paolo proprio quella Lazio che al Napoli ha negato il terzo posto nella passata stagione, spedendolo al quinto in un colpo solo. Una motivazione in più, per gli azzurri, la voglia di riscattare il 31 maggio scorso. Lo chiarisce subito Ghoulam: «Daremo tutto, speriamo sia una rivincita. E di recuperare punti in classifica». Suona la carica Callejon: «Questo successo ci dà fiducia, bisogna essere ancora più carichi e vincere la partita contro la Lazio. Sarà difficile, ma daremo il massimo. Vogliamo riprenderci la Champions persa lo scorso anno proprio contro i biancocelesti». Lo spagnolo scalpita, vuole esserci dal primo minuto, difficilmente Sarri saprà rinunciare a lui e a Mertens: una doppietta a testa, vena realizzativa ritrovata. L’ex tecnico dell’Empoli ha ancora qualche dubbio sul modulo anti Lazio, comunque. La tentazione di tornare al 4-3-1-2 con Insigne, Higuain e Gabbiadini in attacco lascia spazio a una certezza. In questo momento è il 4-3-3 a garantirgli maggiore sicurezza, con il belga e Callejon nel tridente a dare una mano a Higuain (pronto Gabbiadini se l’argentino volesse rifiatare). Hamsik ci crede: «Sono contento per il gol realizzato e la bella vittoria raggiunta davanti ai nostri tifosi. Ma adesso ci dobbiamo subito concentrare sul campionato, ci aspetta la Lazio, partita molto importante». Oggi pomeriggio andrà in scena la rifinitura, Sarri deciderà l’undici. Titolare Jorginho in grande spolvero, Insigne scalpita per un posto in attacco, Albiol e Koulibaly cominciano a dare più certezze in difesa.

IL TEMPO