Ex Google svela sulla Rai l’inganno Intelligenza Artificiale ▷ “Così stanno vendendo i vostri...

Se non paghi un prodotto, allora il prodotto sei tu: che sia il caso anche dell'Intelligenza Artificiale?Meredith Whittaker, presidente di Signal ed ex Google,...

“Il cellulare ti spia”: arriva la conferma ▷ “Tutto legale, gli date il permesso...

Il cellulare ci spia? Da vecchia teoria "complottista" a realtà. Il passo non è stato breve, perché anche se era palese che gli apparecchi...

“Danni per miliardi di dollari”: il New York Times cita Open AI sui diritti...

Il New York Times ha fatto causa alla piattaforma di intelligenza artificiale e a Microsoft, per aver utilizzato senza autorizzazione i propri contenuti editoriali....

Incredibile al WEF: “Possediamo la scienza e il mondo dovrebbe saperlo” ▷ “Non contemplano...

"E' educativo, si spera nei migliori contenuti che sai, abbiamo lavorato con Google: se cerchi su Google "cambiamento climatico" nella parte superiore della ricerca...

Dal battaglione Azov ai virologi superstar: Wikipedia plasma le nuove menti del pensiero dominante

L'ho detto e lo ribadisco ad nauseam. Viviamo nel tempo del pensiero unico politicamente corretto che deve passare necessariamente da un'amministrazione delle parole e...

🔴 Aggiornamenti: ecco come stiamo per espandere la nostra piattaforma ▷ “Manterremo l’oasi di...

Radio Radio amplia la sua offerta informativa con una serie di nuove funzionalità su dispositivo mobile che promettono di fornire un'esperienza radiofonica a tutto...

L’ultima profezia di Bill Gates sull’intelligenza artificiale ▷ “Potremmo lavorare tre giorni a settimana”

Torna alla riscossa il signor Bill Gates.Il patron di Microsoft, ospite di un podcast, ha colto l'occasione per parlare del futuro dell'intelligenza artificiale.O meglio:...

Meluzzi spiega in diretta la profezia di Severino ▷ “Chi detiene queste tecnologie avrà...

Chi di noi, almeno una volta da qualche tempo a questa parte, non è incappato via social nel filmato di un personaggio famoso che...

Una legge del 2022 vieta di discriminare “chi ha mutazioni genetiche” ▷ Frajese: “Anticipa...

Una legge fatta a febbraio del 2022 in Cile vieta le discriminazioni sul lavoro per coloro i quali presentano mutazioni genetiche. Nell'articolo 1 in...

Virus, lo studio di Palù passato sotto silenzio ▷ Frajese: “Una pistola fumante da...

Il nostro paese è reduce dall’ultima campagna vaccinale lanciata dal governo e dagli organi sanitari nazionali. Un altro, l’ennesimo step dovuto e necessario, a...

WEF, dopo il clima l’emergenza acqua ▷ Pastorelli: “Ecco come provano a indurre la...

"Si trattava di vera guarigione o soltanto di naturale miglioramento del decorso della malattia? Alesa non si poteva nemmeno una tale domanda, giacché egli...

Sorpresa tra i banchi: la lezione che non piace ai progressisti ▷ “Non a...

La Svezia torna indietro: a scuola tornano carta e penna, addio al "progresso" dei tablet e computer.La notizia è riportata in massa dai giornali:...

L’accusa durissima del Dott. Barbaro sulla vigile attesa ▷ “L’obiettivo era quello di creare...

Il sindacato dei farmacisti indipendenti italiani, in collaborazione con altre associazioni del settore, ha lanciato nei confronti della premier Giorgia Meloni un appello all'interno...

A lezione di cultura dalla Svezia: perché i bambini tornano a scrivere a mano...

Vi è una novità importante, degna della massima attenzione, che vede protagonista la Svezia. Il paese scandinavo, infatti, ha deciso di cambiare rotta, o più precisamente di invertirla, secondo la figura che i velisti qualificano come strambata. Almeno per quel che riguarda la scuola si tratta di un vero e proprio mutamento radicale.I bambini svedesi da quest'anno troveranno sui banchi carta, penna e calamaio, non più dunque gli ormai collaudatissimi e ovunque presenti supporti tecnici come i tablet. Questa decisione, che decisamente risulta controcorrente, è maturata alla luce di una ricerca. Una ricerca che ha mostrato come i bambini educati a scuola con i soli supporti tecnici presentino non trascurabili problemi di apprendimento. Si segnala ad esempio una difficoltà nella lettura e anche nella scrittura. E così la Svezia ha deciso di tornare alle tradizionali carta e penna. Una decisione importante che ci segnala, tra le altre cose, la decisiva funzione svolta dai metodi tradizionali di apprendimento, quelli che, in nome della marcia del progresso declaritato in claritatem, si era ritenuto opportuno superare a beneficio della tecnica e dei suoi ritrovati più recenti.Con ciò è avvalorata la tesi secondo cui non tutto ciò che viene dopo è meglio necessariamente di ciò che c'era prima. In molti casi valgono davvero le celebri parole di Verdi: "tornare all'antico, sarà un progresso"Ecco, è interessante la vicenda della Svezia perché rappresenta una sorta di risveglio, per ora timido, e non certo di massa rispetto all'incantesimo del progresso tecnocratico, quel progresso tecnocratico che finisce senza che ce ne avvediamo sempre di più per governarci, generando in noi l'illusione di esserne i padroni. Il dispositivo classico della tecnica è messo a fuoco da autori del Novecento decisivi come Martin Heidegger in Germania o come EmanueleSeverino in Italia, i quali, pur con  prospettive differenziate, hanno bene adombrato come l'uomo si illuda di essere il signore della tecnica proprio quando in realtà ne è signoreggiato.Con le grammatiche di Heidegger, l'uomo pensa di disporre della tecnica quando invece ne è disposto, ed egli finisce senza vedersene per essere l'utilizzato. Der Gebrauchte, diceva Heidegger, il quale si spingeva anzi a sostenere che l'uomo in balia della tecnica finisce per diventarne un giocattolo.Questo aspetto è interessante, soprattutto se si considera che viviamo in un tempo di ipnosi collettiva, tecnocratica, in grazia della quale ci illudiamo che la tecnica sia la panacea universale, possa risolvere ogni problema e magari anche dispensarci dalla fatica del pensare. A parte il fatto che la stessa locuzione, intelligenza artificiale, così di moda, è ampiamente ingannevole, dato che l'intelligenza si distingue dal calcolo. Le macchine potranno calcolare benissimo, ma non saranno mai in grado di pensare, se per pensare intendiamo filosoficamente la capacità di questionare sui temi fondamentali, sull'essere e su Dio, sulla trascendenza e sull'ente in quanto tale. Insomma, la Svezia si sta risvegliando ed è da sperare realmente che si tratti di un incipit di risveglio collettivo presto o tardi destinato anche ad arrivare, speriamo il prima possibile in verità, anche nella nostra Italia.

Il “Digital act” cambia le regole dei social ▷ Duranti “Una scusa per togliere...

Il 25 agosto è iniziata una nuova era per le più grandi piattaforme social. Facebook, TikTok, Google e altri grandi colossi del web si...

5G, il documento della Svizzera sulle radiazioni: i veri rischi? Ecco quali sono

Avanza il tempo, avanza anche la tecnologia. Anche se in Italia a progredire tecnologicamente, ma non solo, si fa fatica.Basti pensare che ci posizioniamo...

Il 5G è pericoloso? Non per i motivi che vi dicono

L'onda elettromagnetica abbassa la sua intensità logaritmicamente nello spazio.Già questo potrebbe aiutare a far chiarezza dopo un gran baccano sollevatosi in seguito a una...

Si fa impiantare cinque microchip sotto pelle: non veniteci a parlare di progresso e...

Sui principali quotidiani nazionali leggiamo di un italiano che per primo si è fatto impiantare il microchip sottocutaneo. Più precisamente si è fatto impiantare...

Intelligenza artificiale, “stiamo già perdendo” ▷ L’esperto avvisa sul futuro delle macchine

ChatGpt è davvero peggiorata?E' d'obbligo analizzare nel corso del tempo l'evoluzione dei processi tecnologici e le sue scoperte.L'intelligenza artificiale ha catapultato il mondo della...

ChatGpt diventa ‘stupida’? ▷ “Abbiamo caricato le intelligenze artificiali di troppe aspettative”

L'intelligenza artificiale sembrerebbe attraversare un momento di regressione che preoccupa i cultori della programmazione e da sollievo ai più scettici. È salita alla ribalta...

ULTIMI ARTICOLI

ULTIMI ARTICOLI SPORTIVI