Roma-Real Madrid – Spalletti ad AS: «Totti? Io alleno la Roma, non lui»

Spalletti

ROMA – «Mi manda Ancelotti». Luciano Spalletti si confessa al quotidiano spagnolo AS alla vigilia della supersfida di Champions tra la sua Roma e il Real Madrid. Il tecnico di Certaldo, sollecitato dalle domane dei cronisti madridisti, ha trovato il trait d’union per questa sfida valida per gli ottavi di Champions, Carlo Ancelotti, l’allenatore che ha portato la decima in casa Madrid: «Carlo è il mio grande maestro. E’ lui che mi ha parlato del Real in questi giorni ed è lui che spesso mi dà consigli in questo mestiere. E’ il più bravo di tutti, l’ho sempre stimato e mi ha insegnato tutto».

TOTTI E DE ROSSI – Il Real con la Roma ci ha già sofferto. Nel 2008 fu eliminato agli ottavi dai giallorossi e Totti e De Rossi furono decisivi. La curiosità dei cronisti vertono ovviamente sui due romani e romanisti: «Totti è un grandissimo – ammette Spalletti – ma io alleno la Roma, non solo lui. Tenerlo fuori è sempre una scelta dolorosa, ma alla soglia dei 40 anni il suo fisico va gestito. De Rossi sta meglio e potrà esserci. Come lo vedo? Sia difensore che schermo davanti alla difesa, Daniele può far tutto».

ROMA SEGRETA – Il cronista gli chiede se giocherà con o senza Dzeko, Spalletti sorride: «Vi ha mandato Zidane? A parte gli scherzi non è importante il modulo che schiererò, ma la testa di chi va in campo. Rispetto tantissimo Zidane, è stato un grandissimo e sta dimostrando anche in panchina tutto il suo valore. Chi temo di più? Pare che dalle vostre parti ci sia un ragazzo che si chiama Cristiano».

CORRIEREDELLOSPORT.IT