Roma, preso Fazio dal Tottenham: prestito con obbligo di riscatto

Spalletti_CONF

Operazione da 4 milioni, ma l’esborso non immediato permetterà di prendere un altro elemento per il reparto arretrato. Mercoledì Szczesny tornerà in prestito dall’Arsenal, ma con diritto di riscatto. Piace ancora Darmian, seguito anche Kolasinac, Vermaelen costa troppo.

Luciano Spalletti avrà uno dei due difensori che aveva chiesto ieri dagli States: la Roma ha messo da parte tutte le perplessità e questa sera ha chiuso per il difensore Federico Fazio del Tottenham. Centrale, 29 anni, argentino con passaporto italiano, negli ultimi sei mesi al Siviglia, arriva a Roma (atteso domani, al più tardi mercoledì) in prestito con obbligo di riscatto, per un’operazione complessiva da 4 milioni di euro. Visti i buoni rapporti con il club inglese (grazie anche alla mediazione di Franco Baldini), la Roma è riuscita così a prendere il giocatore senza esborsi immediati, in modo da poter avere ancora soldi a disposizione per regalare a Spalletti ancora un altro difensore. In pole c’è Kolasinac dello Schalke, ma anche D’Ambrosio è un nome valido, mentre Vermaelen, il preferito di Spalletti, per ora costa troppo. Darmian rimane un sogno, da provare a concretizzare magari se il preliminare di Champions andrà a buon fine, Nacho del Real Madrid, che sembrava più vicino questo pomeriggio, si allontana di nuovo.

SZCZESNY ARRIVA, RUI SI OPERA — Intanto, a meno di sorprese (all’ordine del giorno a Trigoria, tra guasti aerei e visti che mancano), mercoledì Wojciech Szczesny sarà di nuovo un giocatore della Roma. Il portiere polacco, che arriverà in prestito dall’Arsenal (stavolta con diritto di riscatto) sarà a Fiumicino in giornata, giovedì visite mediche (approfondite, visto l’ematoma alla coscia che lo ha tenuto fermo durante l’Europeo dopo la prima partita), venerdì sarà di nuovo a disposizione di Spalletti, quando la squadra tornerà dalla tournée americana. Sempre venerdì sarà operato a Villa Stuart il portoghese Mario Rui: il ginocchio è ancora gonfio, c’è bisogno di “trattare” la lesione per un paio di giorni, poi il giocatore sarà ricoverato a Villa Stuart per essere operato. Oggi è tornato da Boston con tutore e stampelle, poi è andato a pranzo a Trigoria dove lo ha accolto il direttore sportivo Sabatini che lo ha spronato e ha cercato di tirargli su il morale.
NIENTE ALIBI — Poco prima della chiusura dell’affare Fazio, Luciano Spalletti, senza tanti giri di parole, al sito ufficiale della Roma dice chiaro e tondo che ai suoi calciatori non saranno concessi alibi: “La cosa che conta è una: noi dobbiamo sempre sentirci all’altezza di tutti. Non posso dire ai miei giocatori che potremmo anche perdere solo perché i nostri avversari hanno fatto più partite di noi. Non darò mai alibi ai miei ragazzi: questa prospettiva non mi appartiene. Per esempio – ribadisce Spalletti – non dirò mai ai miei calciatori che la Juventus è una squadra migliore, perché se dico così rischio di dare loro la percezione di essere più deboli”.
www.gazzetta.it