Lazio, spot in tv per recuperare i tifosi perduti

lazio_curva

La Lazio scende in campo. Bella scoperta, si dirà. Lo fa ogni domenica e spesso anche durante la settimana. Ma stavolta si tratta di un altro tipo di discesa in campo. E infatti sarebbe meglio definirla discesa in tv. Ieri infatti i giocatori biancocelesti hanno registrato uno spot negli studi televisivi di Lazio Style, il canale tematico della società. Motivo? Chiedere ai tifosi di star loro vicino: domenica sera col Milan e poi nelle restanti cinque partite che i biancocelesti giocheranno all’Olimpico quest’anno.

Appelli e proteste «Insieme si può, insieme si deve», è lo slogan lanciato dai calciatori. Si rivolgono direttamente ai tifosi (lo spot sarà trasmesso dal canale tematico a partire da oggi) per chiedere calore e sostegno nella volata per l’Europa League. Obiettivo tornato nuovamente a portata della squadra di Reja dopo la vittoria di Cagliari. «Ma senza l’aiuto del pubblico diventa difficile», ha osservato il tecnico. Sostegno che nelle ultime due partite giocate all’Olimpico è venuto meno a causa della contestazione della tifoseria nei confronti del presidente Lotito. Che è iniziata nel match col Sassuolo (gli oltre 40 mila spettatori hanno invitato per tutta la gara il presidente ad andarsene), è proseguita con l’Atalanta (stadio quasi completamente vuoto per protestare contro il patron) e continuerà col Milan. La curva ha preannunciato che nel match coi rossoneri tiferà solo nella ripresa, mentre nel primo tempo esporrà una decina di striscioni con altrettante domande scomode a Lotito (gli ultrà interisti fecero lo stesso con Moratti alla fine della scorsa stagione). Una situazione che, anche se non riguarda la squadra, finisce inevitabilmente col condizionarla. L’appoggio del pubblico sarebbe invece fondamentale nello sprint per l’Europa League, visto che tra l’altro all’Olimpico si giocherà (il 30 marzo) lo scontro diretto con il Parma. Da qui la decisione della squadra di chiedere aiuto ai tifosi. Farà effetto? Difficile che la protesta si fermi, ma un po’ più di calore verso la squadra ci sarà sicuramente. E in ogni caso col Milan lo stadio non sarà vuoto come avvenuto con l’Atalanta.

Postiga e Berisha Reja spera vivamente che la situazione migliori e intanto registra con piacere il recupero di quasi tutti gli infortunati. Compreso il portoghese Postiga. L’attaccante, acquistato nell’ultima sessione di mercato, ieri ha svolto il primo allenamento intero con la nuova squadra. E domenica potrebbe per la prima volta essere convocato. Sempre in stand by, invece, la situazione di Berisha. Deve ancora essere discusso il ricorso del Chievo, che aveva raggiunto un accordo col portiere (depositandolo in Lega) prima che lo acquistasse la Lazio. Sarà la Fifa a dirimere la questione.

GAZZETTA DELLO SPORT