Inter, Moratti garantisce: “Suning progetto importante”

Moratti-Thohir

“Il progetto di Suning per l’Inter è importante”, ad assicurarlo è Massimo Moratti, ex proprietario del club nerazzurro. “I tifosi non devono avere dubbi sulla bontà di questo programma. Parliamo di gente molto seria che cerca di collaborare per fare in modo che la squadra sia certamente più forte l’anno prossimo. Certo, il gruppo e nuovo e i membri devono ancora conoscere la nuova realtà”, sottolinea a TMW Radio il petroliere milanese, il quale, circa la possibilità di rientrare in società, commenta categorico: “Ritengo non ci sia bisogno di alcun mio intervento. Ho fiducia in questi nuovi acquirenti, i quali sono aiutati inoltre dall’esperienza di Thohir”. Il consulente ufficioso di Suning prosegue parlando del mercato, della questione Mancini e della Juventus, ma preferisce non esprimersi sul ‘caso Icardì perché: “Non sono presente nell’Inter attuale e per questo non posso pronunciarmi sull’argomento”.

MORATTI, GIUSTO TROVARE ACCORDO CON MANCINI – “Candreva è un ottimo acquisto. In questo momento, con Icardi presente, la squadra è forte. Naturalmente si può sempre migliorare, ma si può anche essere più deboli. Questa è una squadra che può tranquillamente rispondere ai propri doveri e raggiungere gli obiettivi”, spiega Moratti proseguendo: “Con Mancini spero che il peggio sia alle spalle, ma è anche doveroso che ciò sia accaduto. Il campionato è alle porte e tra circa venti giorni si inizia. Sicuramente sarebbe un
bene che si trovi un accordo per andare nella stessa direzione e andare d’accordo, perché il campionato, ripeto, è veramente molto vicino”. Un accenno finale alla forza numero uno del campionato: la Juventus. “E’ una squadra decisamente molto, molto forte. Sembra staccata dalle altre in una corsa solitaria, ma il calcio giocato è una cosa a sé. Allo stato attuale delle cose sembra ancor più forte rispetto allo scorso anno”.

La Repubblica