Elezioni Austria, il verde Van der Bellen vince con il 50,3%. Hofer ammette la sconfitta

Alexander_Van_der_Bellen_2016

Il verde Alexander Van der Bellen ha vinto le elezioni in Austria per un soffio con il 50,3% dopo lo spoglio dei voti per posta sconfiggendo l’ultranazionalista Norbert Hofer, staccato di soli 31mila voti. ‘Sarò al servizio di tutti’, ha detto il neo eletto presidente

Hofer ammette la sconfitta: ‘rammaricato’. Affluenza record del 72,7%.

“Oggi, i sentimenti di amicizia tra Austria e Italia rappresentano non solo elemento imprescindibile per il comune sviluppo sociale ed economico dei nostri Paesi, ma anche un solido ancoraggio per il rafforzamento del progetto europeo, scosso da numerose e talvolta inedite sfide”. E’ quanto scrive il presidente della Repubblica SergioMattarella in un messaggio inviato al Presidente Federale eletto della Repubblica d’Austria, Alexander Van der Bellen.

Gentiloni, sospiro di sollievo per Ue e Italia  La vittoria del candidato Verde alle presidenziali austriache fa “tirare un sospiro di sollievo” all’Europa e “certamente lo tiriamo anche noi italiani perché indubbiamente l’Austria è uno dei paesi con cui siamo più collegati, un paese vicino ed amico”. Lo dichiara il ministro Paolo Gentiloni. Lasciando la riunione del Consiglio Esteri, definisce la vittoria di Van der Bellen “una notizia positiva” ma, aggiunge, “non dobbiamo sottovalutare che la metà degli elettori si è espressa in un altro senso”.‘Una lezione a partiti tradizionali”

L’Europa è stata con il fiato sospeso in attesa che lo spoglio del voto per corrispondenza. Il candidato dei Verdi, Alexander Van der Bellen, l’ha spuntata al fotofinish sull’ultranazionalista dello Fpo, Norbert Hofer. Ma il volto gentile della destra xenofoba è stato in vantaggio con il 51,93% dei voti reali davanti a Van der Bellen, che arrivava al 48,07%. Lo spoglio delle oltre 800mila buste elettorali ha ribaltato la situazione, ma il dato politico è già incontrovertibile: un austriaco su due sostiene l’estrema destra in Austria.

ANSA