Deschamps: “Ambiziosi? Ora pensiamo solo alla Nigeria”

deschamps
“Non ho sentito, non ascolto queste cose; ma probabilmente è vero”. Il commissario tecnico della Francia, Didier Deschamps, alla vigilia della gara contro la Nigeria (a Brasilia, ore 18 italiane), risponde così ai cronisti che gli chiedono di commentare le dichiarazioni di Bacary Sagna e Morgan Schneiderlin che avevano parlato dei “blues” come possibili vincitori della Coppa del Mondo. “Si tratta di ambizioni, di speranze, che servono sempre. La realtà però è che siamo agli ottavi di finale contro Nigeria e dobbiamo pensare a questa gara. I progetti a lunga scadenza al momento sono del tutto inutili”, puntualizza il tecnico transalpino. “Cosa cambia giocando a ora di pranzo (alla Francia non era ancora accaduto, ndr)? È un orario insolito: sicuramente farà più caldo e i nigeriani sono più abituati di noi a giocare con questo tipo di clima – sostiene Deschamps -. La temperatura potrà influenzare il ritmo del gioco; forse la Nigeria in questo senso è più favorita. Non posso sapere oggi, però, come risponderanno i nostri fisici: posso solo dire che ho notato che ieri sia i brasiliani che i cileni hanno finito stremati la sfida di ieri”.
SPIRITO DI SQUADRA — “I risultati fin qui conseguiti? Sono motivo di grande soddisfazione per me e il mio staff. Sono orgoglioso di ciò che i giocatori hanno fatto. Dobbiamo apprezzare tutti il percorso compiuto. Se si guardano gli altri gironi appena conclusi ci si rende conto che questo è un Mondiale molto difficile. Alcune grandi Nazionali sono già state eliminate e noi ancora qui”, aggiunge il c.t.. “Lo spirito di squadra e la mentalità dei giocatori sono essenziali. Non sono determinanti per trionfare; ma non si può vincere senza. Contro l’Ecuador ci è mancata un po’ di efficienza, ma abbiamo creato un sacco di occasioni. Siamo stati molto prolifici invece nelle prime due gare e questo è un dato importante. Sarebbe stato bello continuare lungo la stessa strada, ma il pareggio contro l’Ecuador non ha rovinato la nostra gioia per la qualificazione”..
GAZZETTA DELLO SPORT