Le immagini mostrano il piede del giocatore dell’Atalanta, Palomino, sul piede di Immobile. Immobile però “cade” qualche passo più avanti. Gaperini lo accusa: “Rigore inesistente”. Il Var però vede chiaramente quello che per alcuni è un pestino e per altri è un pestone.

Ma il rigore c’era o non c’era?

Difficile mettere d’accordo Franco Melli, Furio Focolari, Roberto Renga e Roberto Pruzzo. Ecco com’è andata.


ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

LEGGI ANCHE:

2 COMMENTS

  1. Sul primo rigore l’arbitro è posizionato meglio di qualsiasi telecamera. O l’arbitro è un mascalzone, oppure ha visto il pestone. Il fatto che venga presa solo una piccola porzione del piede non vuol dire niente. Un pestone su un solo dito può essere più doloroso di uno che prenda l’intero piede. E la dinamica naturale può benissimo portare a cadere sul passo successivo. Comunque l’arbitro è lì a tre metri. Ripeto: o è un mascalzone o c’è il fallo.
    Sul secondo episodio non c’è neanche da discutere. Immobile mette il piede davanti. Non è una furbata; è un anticipo. Ed è, perchè no, una mossa da attaccante che si mette in condizione di farsi fare fallo. E’ il difensore che non lo deve toccare.
    Gasperini ha perso una buonissima occasione per stare zitto….

  2. Sono perfettamente d’accordo con lei. Oltretutto Gasperini ci dovrebbe spiegare come mai la Atalanta non ha giocato nel secondo tempo. Preparazione finalizzata per arrivare nelle migliori condizioni in primavera? E per ottenere che cosa se in Europa sta venendo asfaltata e in Italia è comunque irrilevante. O crederà forse di essere al livello della Juventus? Il fatto è che Gasperini è abbondantemente sopravvalutato, è stato lodato e imbrodato e, cosa più grave di tutte, lui ci ha creduto. Quando si desterà dal sogno sarà molto doloroso.