Juve, una lezione di football all’Inter

Lezione di football della Juventus che torna in testa alla classifica proprio sul campo della capolista che finora aveva fatto filotto in serie A. Partita perfetta dei bianconeri, Sarri ha scelto l’uomo giusto, Dybala, per mandare in bambola i tre difensori interisti.

Conte ci ha capito poco anche per colpa dell’infortunio di Sensi ma la squadra ha pagato anche la fatica fisica e psicologica della trasferta di Barcellona. Due sconfitte consecutive non hanno bisogno di alibi, l’Inter deve crescere soprattutto nella testa del suo allenatore che finge umiltà ma al momento giusto smarrisce l’equilibrio.

Così è stato, l’Inter sconfitta nel gioco, nella qualità e nella quantità, soltanto un paio di bianconeri sotto la sufficienza, De Ligt, impacciato e pericoloso per i suoi, e Bernardeschi assolutamente nullo nel ruolo di mezzocampista nel senso vero.

Ottimi e abbondanti Cuadrado, Pjanic, Dybala, Higuain e i soliti minatori Matuidi e Bonucci. Ovviamente c’è anche Ronaldo ma non è una novità. Partita perfetta, dunque mentre l’Inter ha sbandato troppo, mai è sembrata in grado di ribaltare il risultato se non per episodi di gioco e non per una geometria valida.

Esce sconfitto Conte, al di là di qualunque giustificazione, Lukaku non vale né Icardi né ottantacinque milioni. Per fortuna dei nerazzurri Handanovic ha salvato la porta da altri guai. Si ricomincia dall’anno scorso, Juven tus prima e le altre a inseguire.    

Tony Damascelli


Leggi anche:

1 COMMENTO

  1. In fondo è giusto così….
    Loro sono ancora quelli vestiti di bianco, quelli che si sono fatti beffe dell’umiliazione e della mortificazione subita dai tifosi bianconeri per una truffa infame e mai riconosciuta; quelli che lo scudetto di cartone è “quello più importante della nostra storia”; quelli che ancora oggi sorridono ironici dell’ennesimo ricorso presentato; quelli che le sentenze sportive e penali (e le motivazioni) non le hanno nemmeno mai lette; quelli che disonesti e prescritti non si vergognano di esporre uno scudetto mai vinto e anzi perso sonoramente sul campo; quelli che senza quella truffa non avrebbero mai vinto non dico quello scudetto, ma neanche tutto quello che è venuto dopo… Quelli che dicono che dovremmo dimenticare…
    E giusto così oltre ogni considerazione tecnica scontatissima. Che si strozzino la bile nello stomaco fino ad avvelenarsi la vita intera.
    Dio c’è. E probabilmente è juventino…