Marino attacca Renzi e avvisa “Se il Pd fa primarie potrei candidarmi”

IGNAZIO MARINO 2

“Chi non si allinea viene bandito. Renzi voleva Roma e se l’e’ presa”. Cosi’ l’ex sindaco di Roma Ignazio Marino, sulla sua pagina Facebook. “Il Presidente del Consiglio – scrive sul suo profilo l’ex primo cittadino della Capitale – potrebbe e dovrebbe esercitare maggiore rispetto.
Continua a dire ‘basta polemiche’, ma poi insiste negli insulti e nelle provocazioni. Non si rende conto, o forse non gli interessa, che insultando me insulta le centinaia di migliaia di cittadini che mi hanno scelto come sindaco prima alle primarie, poi al primo turno ed infine al ballottaggio. Ignora le numerose manifestazioni di sostegno che in migliaia mi stanno dedicando”. Per Marino, “E’ del tutto evidente che Renzi mi attacca e offende sul piano personale per coprire con la ‘damnatio memoriae’ una spregiudicata operazione di killeraggio che ha fatto esultare i tanti potentati che vogliono rimettere le mani sulla citta’. Occorre invece ristabilire la verita’: Renzi voleva Roma sotto il suo diretto controllo e se l’e’ presa, utilizzando il suo doppio ruolo: come segretario del partito ha voluto che i 19 consiglieri del PD si dimettessero, come Presidente del Consiglio ha sostituito il sindaco, legittimamente eletto, con un prefetto, certamente persona degnissima, che fara’ capo come dice la legge allo stesso Presidente del Consiglio”. Secondo l’ex sindaco, ora “assistiamo a una pericolosa bulimia da potere, che elimina gli anticorpi democratici. Il messaggio e’ chiaro: chi non si allinea, chi non ripete a pappagallo i suoi slogan viene allontanato o addirittura bandito.

Poi ospite a DiMartedi’ su La7, aggiunge “Io sono stato eletto da centinaia di migliaia di persone, Matteo Renzi non e’ stato eletto” e con il commissariamento del Campidoglio “si toglie sovranita’ al popolo, quando spetta a lui giudicare e non a una singola persona non eletta”.
Quanto al suo futuro conferma che sta pensando all’ipotesi di candidarsi, passando per le primarie del centrosinistra “Io non ho detto ‘no’, ho detto che sto riflettendo”, afferma Marino in merito a una sua nuova corsa a sindaco, ma “bisogna comprendere quale sara’ il passaggio per la candidatura che indichera’ Matteo Renzi, perche’ se ci sara’ un passaggio democratico attraverso le primarie io probabilmente valutero’ una possibilita’ del genere. Se il passaggio invece prevede che si decida a Palazzo Chigi chi e’ il nome, e’ chiaro che non credo che quel nome saro’ il mio. Potrei vincerle – ha concluso – ma per vincere bisogna partecipare”.

AGI