A Ottobre vincevamo col Psg, schiacciavamo il Valencia e il Manchester, giocavamo alla pari con il Liverpool. Ad aprile tutto è svanito, come l’Italia in Europa. A meno che il Napoli-Davide non batta l’Arsenal-Golia.
Già perché gli azzurri sono ormai l’unica italiana ancora in corsa in territorio europeo per evidenti motivi cronologici (L’Europa League si gioca dopo la Champions) ma non è tanto la qualità in campo che rende l’Arsenal un gigante mostruoso da affrontare, bensì il pesante parziale dell’andata che vede i partenopei sfavoriti di due gol se non di più in caso se ne subiscano stasera.

La nostra mentalità è quella di segnare e iniziare subito all’attacco“, lo ha detto il tecnico dei gunners in conferenza, proclamando l’ovvio: è chiaro che i londinesi dovranno premere sull’acceleratore, soprattutto perché segnare al San Paolo di questi tempi può essere fattibile, vincere magari un pò meno. “Probabilità? 50 e 50, non è cambiato nulla. Sappiamo che loro possono ribaltarla perché sono molto forti“.

Non una semplice dichiarazione per mettere in guardia la propria squadra quella di Emery, perché il Napoli effettivamente ha il libretto delle istruzioni su come fare: nella prima pagina gli avvertimenti, con l’eliminazione della Juve e la stessa rimonta dei bianconeri contro l’Atletico, con i madrileni in vantaggio per 2 gol all’andata. Il resto lo sa Ancelotti, che secondo i nostri esperti ha tutte le possibilità di farcela vista l’encomiabile esperienza: ecco i loro pareri a riguardo.

Roberto Pruzzo

E’ una partita complicatissima, anche se l’Arsenal in casa sembra giocare in un modo e fuori in un altro. Il Napoli deve avere personalità, aggressività, deve cercare di fare questa sorta di impresa, perché ribaltare un 2-0 non è facile, ma può farlo.
Poi tra il a dire, “segniamo subito più gol possibili” e il farli ce ne passa.
Il problema che comportano questo tipo di partite è non prenderne neanche uno.

Sandro Sabatini

La formazione fatta da Ancelotti è la migliore possibile, secondo me non deve preoccuparsi perché quando di mezzo c’è una inglese si può assistere a quattro gol in diciotto minuti, che è sì, uno spettacolo, ma causato da molti errori: poi è ovvio che la partita in queste condizioni sia godibile e spettacolare. Anche con lo 0-0 a un quarto d’ora dalla fine il Napoli sarebbe in corsa.

Furio Focolari

La partita è difficilissima senza dubbio, non facciamoci illusioni, poi certo se segni tre o quattro gol velocemente si mette subito in modo diverso. L’augurio che io posso fare al Napoli è che vada ai supplementari sul 2-0 ma per me le possibilità sono poche, molto poche.

Roberto Renga

Io sono un po’ ottimista perché l’Arsenal fuori casa sembra veramente la brutta copia della squadra che gioca all’Emirates, per cui io non so se il San Paolo sarà pieno, si dice che saranno in 40.000, che non sono molti ma possono farsi sentire. Soprattutto però si faccia sentire la squadra: il Napoli se è lui può certamente farcela, è possibile che l’Arsenal faccia anche male ma la domanda è questa: sarà in grado il Napoli di fare il Napoli?