Mandzukic: «Goetze un grande campione»

MANDZUKIC_JUVE

Mario Mandzukic dimostra in conferenza stampa grande umiltà, notevole diplomazia e anche un po’ di timidezza. L’attaccante croato, che ha scelto la maglia numero 17, si presenta con le frasi di rito: “La Juve è una grande squadra, da anni nutro per il club una grande simpatia. Qui ci sono giocatori eccezionali, come Buffon: con lui ho parlato dopo le 2 sfide di Champions, gli ho detto che è stato un mio idolo da bambino. Che sensazione ho avuto di quella squadra? Che è sempre difficile giocarci contro, in particolare contro la difesa bianconera. Sono state tra le partite più difficili della mia carriera”.

L’EREDITA’ – Mandzukic va a sostituire di fatto Carlo Tevez, tornato al Boca Juniors. “E’ un grande giocatore, ma ognuno si costruisce da sé la propria carriera ed io ho intenzione di dare alla Juve il mio contributo a conquistare traguardi. Darò del mio meglio e mi metterò al servizio della squadra”.

RIVOLUZIONE – Non solo Tevez, però. Dalla via sono andati via anche Pirlo e il prossimo sembra essere Vidal, destinato all’ex squadra di Mandzukic (prima dell’Atletico), ovvero il Bayern Monaco. “Cambia poco – dice il croato -. La Juve pur cambiando resta forte. Goetze? Credo che possa giocare in qualsiasi squadra, è un giocatore di grande qualità e un bravo ragazzo. Non l’ho sentito a telefono e sinceramente non sto seguendo le trattative”.

CORRIERE DELLO SPORT