Dice la Costituzione italiana che l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro, eppure il Governo della Repubblica italiana non si sta preoccupando di salvarlo.
Ci sono milioni di imprese a rischio, lo ha detto uno studio McKinsey. In Europa cioè, se dovesse continuare l’epidemia di coronavirus e se ci fosse mediamente una perdita del fatturato dal 10% al 30%, fino a un 50-70% di imprese sarebbero a rischio.
Nel nostro Paese mediamente un’impresa su due è a rischio default.

Tutte le misure sancite (divieto di licenziamento e via discorrendo) sono bellissime. Ma in teoria.
Voi del Governo state facendo finta che non sia successo niente.

Vi avevo chiesto di evitare di applicare le tasse e le avete applicate. Non solo, volete proporre una riforma del sistema fiscale con la quale intendete fare cassa tutti i mesi: serve solo a voi, non alle imprese.
Serve a voi per far quadrare i dati di bilancio dello Stato.
Ormai abbiamo uno Stato oppressore della piccola e microimpresa italiana, nonché dei liberi professionisti.

Parlando coi commercialisti italiani ho il polso della situazione: una situazione di terrore, paura, disastro. E in tutto questo non state facendo nulla, cari signori del Governo, per introdurre almeno il dibattito.

Vi occupate di tutt’altri temi – che nemmeno commento – come le questioni sulla sessualità, ma qui ci sono in ballo problemi di sopravvivenza, sopravvivenza economica di famiglie che non hanno più un lavoro né un reddito. Voi non gli avete neppure tagliato le tasse; non le avete neppure rinviate! Non avete dato contributi pubblici, non avete chiesto di rivedere le regole europee o le regole di Basilea, che sono quelle che entreranno i vigore prossimamente (e saranno ancora più dure).

Non so se siete in malafede. Quel che è certo è che non state facendo nulla per difendere gli imprenditori e i piccoli professionisti, ovvero quelli che oggi diventano i più deboli della società.
Un’Italia fatta di piccole imprese nella quale la metà di queste andrà in fallimento, sta creando le condizioni per il fallimento dell’Italia.

Malvezzi Quotidiani, pillole di Economia Umanistica con Valerio Malvezzi


ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

LEGGI ANCHE: