Pagelle 11° giornata: promossi e bocciati

10) Mario Balotelli

Ha fatto benissimo, si è comportato nel modo più idoneo. Se questo incipit vi sembra una provocazione, evitate di leggere il resto. Perché stavolta non si può che stare con lui, che apprezzare il gesto, ben oltre alla sola esternazione di solidarietà nei suoi confronti, che è meno del minimo sindacale in termini di civiltà.

Se, poi, c’è chi commenta il gesto chiamando in causa il suo carattere o i suoi eccessi, allora è coglione quasi quanto quei tifosi veronesi che hanno ululato nei confronti dell’attaccante bresciano. O senza il quasi: potete scegliere.

9) Lewis Hamilton

Il sesto titolo mondiale, in un week end iniziato in maniera quasi turistica, da crocierista di lusso. Deve cedere lo scettro di giornata a un Valtteri Bottas leonino, ma fino a che le gomme lo assistono fa in modo di prendersi anche la scena texana.

Era già entrato a far parte della cerchia dei più grandi piloti di ogni epoca; con l’andar del tempo dissemina il tracciato che lo porta alle sue corone d’alloro con esibizioni stratosferiche quanto a soglia prestazionale e senso strategico.

8) Sadio Mané

Nel finale di Aston Villa – Liverpool porta avanti e in rimonta i Reds con un gol di testa, quasi spalle alla porta, che è puro eros realizzativo.

7) Romelu Lukaku

Forza, tecnica e precisione messe al servizio della manovra offensiva, oltre che della scalata alla classifica dei cannonieri. Più asciutto, ora, ancora più dirompente. Con Lautaro compone una coppia che rasenta la perfezione, quanto ad assortimento di doti ed efficacia.

6) Valentino Rossi

Dopo quattrocento (400) gran premi uno può fare come vuole. Lui ha scelto di tornare competitivo: quarto, in Malesia, in risalita e con una profusione di classe ed esperienza che gli consente di sfruttare tutto ciò che la Yamaha può dare.

5) Napoli

All’Olimpico, venti minuti di possesso palla arrembante e conclusioni a ripetizione, nella seconda metà del primo tempo. Per quasi tutto il tempo restante, una manovra a tratti monocorde, subendo i piani tattici di Fonseca e senza la capacità di uscire più dal guscio. Aumenta un poco la pericolosità con gli ingressi di Lozano e Llorente. Troppo poco, per un gruppo che due mesi fa era considerato quello con maggiori possibilità di insidiare la Juventus.

4) Ferrari

Tutto da dimenticare, nel fine settimana texano: partenza incerta; cedimento strutturale per la sospensione di Vettel; strategia interlocutoria per Leclerc; usura delle gomme limitante nella seconda parte della gara.
Passo indietro.

3) Maurizio Setti

Secondo il massimo dirigente dell’Hellas Verona al Bentegodi si fa ironia, non si ostenta il razzismo.

Diciamo allora che Balotelli è poco spiritoso.
Tristi, tanto tristi, noi che leggiamo certe dichiarazioni.

2) Tutti i cori che, anziché schernire l’avversario, lo discriminano

Dal Vesuvio alle romane puttane, passando per l’odio verso Milano o Firenze. Ovviamente senza tralasciare gli ululati.
Un senso di nausea spesso aumentato dalla cassa di risonanza dell’indifferenza.

1) Il giustificazionismo

Se esiste una cosa più idiota di certi insulti che scaturiscono da preconcetti idioti, è il tentativo di spiegare che “è solo rivalità” o “sono cori da stadio, servono a innervosire l’avversario”.

Paolo Marcacci


ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

LEGGI ANCHE:

1 COMMENTO

  1. Caro Marcacci, ragioniamo sui voti, atteso che lo spazio è suo e ne fa quello che vuole.
    4/10 sul caso Balottelli, razzismo;
    2/10 sulla F1 che con questo sito ci sta come il parmigiano nella carbonara; transeat;
    1/10 sulla MotoGp che con questo sito ci sta come la pancetta nella Gricia; a ri transeat;
    1/10 giocatore della Premier League che compie un gesto tecnico;
    2/10 Napoli e Lukaku per sprazzi di gioco.
    Io cerco di essere imparziale e – da tifoso del Cagliari – credo di aver percepito un certo interesse, a livello nazionale, per il risultato raggiunto dalla rappresentativa rossoblu. Credo anche che la Roma e la Lazio abbiano ottenuto risultati parimenti rimarchevoli.
    Tuttavia lei non ritiene degne di nota le prestazioni di squadre che, onorevolmente occupano il 3° e il 4° posto.
    Stabilito che io non le contesto di scrivere quello che le pare, le chiederei cortesemente quale filo di pensieri l’ha condotta a stilare la classifica così congegnata.

    Cordiali saluti

    Alessandro Sanna