Marco Zanni (Lega): “Conte da burattino a grande amico dell’UE”

Oggi il primo appuntamento del Premier con i vertici di Bruxelles. Tra gli altri Giuseppe Conte ha incontrato la Presidente di Commissione, Ursula von der Leyer, rispetto alla quale ha dichiarato di avere una “totale comunanza di vedute”.

Luigia Luciani e Stefano Molinari hanno intervistato l’Europarlamentare leghista Marco Zanni. Ecco cosa ne pensa.

“Accoglienza trionfale di Conte in Europa? Non mi fa girare le scatole, ma sono preoccupato per il futuro del paese.

Fino a ieri veniva definito burattino, oggi sorrisi, abbracci, ‘grande amico’ e così via… Quello che ho visto non mi piace come cittadino italiano, non mi piace come politico e mi fa capire quanto siano poco democratiche certe istituzioni.

Queste persone sono le stesse che hanno fatto male all’Europa e all’Italia. Questa nuova Commissione e le nuove istituzioni europee, con le nuove nomine di tutti i vertici, sono un cambiamento non cambiamento. Dalle proposte che arrivano sul tavolo sembra che si vada in continuità con le politiche fallimentari che hanno lacerato profondamente tutto il continente europeo”.


LEGGI ANCHE: