E’ stata spesso nel mirino degli ‘odiatori da tastiera’ Laura Boldrini, ex Presidente della Camera. Un percorso social, quello della politica ora tra le fila del PD, che è stato ricostruito ne “La grande nemica”, il libro scritto dal suo ex responsabile Flavio Alivernini.

L’autore ne ha parlato durante la diretta di “Lavori in Corso”.

“E’ un libro che parla alla politica, non della politica. Questo lavoro è fatto per quei ragazzi che sui social network non hanno la forza o la capacità di difendersi. L’ho dedicato a Carolina Picchio, una ragazza di 14 anni che si è tolta la vita perché non ha resistito alla vergogna della gogna mediatica”.


LEGGI ANCHE:

1 COMMENT

  1. Premesso che quando in tantissimi chiamavate un uomo intelligentissimo e di grande successo (non ho detto onesto) “nano di merda” per via della sua piccola statura, non vi scandalizzavate per niente (del resto era un maschio), e che questo appellativo cosi’ usato da Grillo gli e’ costato da sempre il mio voto, e dire che e’ una cosa gravissima, attaccare qualcuno per l’aspetto fisico, tornando alla Boldrini, diciamoci la squallida verita’: viene attaccata cosi’ tanto perche’ la massa ignorante non la considera avvenente (prendi invece per esempio Mara Carfagna, inutile come un bel lampadario senza lampadine ma tutti zitti dinanzi lei) e dire che io invece considero Laura Boldrini molto sexy.