Le prossime amministrative in Emilia Romagna sembra che saranno molto importanti al livello nazionale, si parla addirittura di caduta del Governo in caso l’attuale amministrazione emiliana venisse sconfitta.

La domanda è: nell’amministrazione locale, quella della regione Emilia Romagna, non andrebbe valutata qualche altra cosa che non riguarda solo la politica nazionale?
Secondo me sì, se fossi un cittadino dell’Emilia Romagna mi piacerebbe sapere qual è la proposta di chi vuole cacciare chi ha governato per mezzo secolo la regione.

Personalmente, ovunque vada in Emilia Romagna trovo una regione in cui le cose funzionano. Mi ci trovo molto spesso per lavoro, molto spesso ho avuto a che fare con tante aziende, ditte, singoli cittadini, amministratori di tanti colori politici: sembra una delle regioni in cui le cose funzionano meglio, come anche la Lombardia, la Toscana, il Veneto.

Si tratta delle regioni che, amministrativamente, sono le migliori: qual è il motivo per cambiare? Questo dovrebbe essere il dibattito, anziché usare come una clava il tema di Bibbiano che poco c’entra con la politica, di una presunta intolleranza degli amministratori, ma verso cosa? Perché non siamo più concreti?

Questi argomenti rafforzerebbero la credibilità non solo di chi governa, ma anche di chi si oppone.
Se poi chi si candida sapesse bene quali sono i confini della regione, da questo ci guadagneremmo tutti.

GeoMario, cose di questo mondo – Con Mario Tozzi

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

LEGGI ANCHE:

1 COMMENTO

  1. si può essere ciechi politicamente, ma dare il voto in emilia romagna alla lega significa nn apprezzare o vedere la conduzione della regione a guida della sinistra e in fin dei conti all’avanguardia tra le regioni italiane x progresso civile e lungimiranza fattuale. la borgonzoni nn è che lo specchietto delle allodole salviniano, ovvero un papetiano foridepanza talmente ignorante della politica e della costituzione da essere re travicello dell’opportunismo elettorale. i giochi poi sono scoperti se uno omaggia la russia ed ora si congratula col trump guerrafondaio. insomma salvini è tutto e il suo contrario, e se dovesse fare il bagno elettorale in quella regione, allora il pallone si sgonfierà del tutto.