Comincia male. Juve fortissima e abituata a partite del genere. Lazio timida e impacciata. Segna Cristiano ed è giusto. Il gol scioglie la Lazio. Si fa male anche Bentancur, tra i migliori della Juve. E arriva il pari. Ci sta. 

Adesso? Adesso è calcio bellissimo e spettacolo. La Juve ci prova, attacca, tiene la difesa alta. Espulso Cuadrado, solo Lazio. Due gol e un rigore sbagliato. 
Lazio forte, molto forte. Capace di soffrire e di ricominciare come niente fosse. Tutti bravi. A partire dai difensori, che hanno quasi retto contro Dybala e Cristiano, non due qualsiasi. 

E i centrocampisti? Perfetti, come i due esterni. Con una scontata citazione per Milinkovic Savic, che pesca una doppia perla: aggancio e gol alle spalle di uno stupito De Ligt.

Il terzo gol viene dal solito contropiede. Lazzari in fuga e ci diciamo: non segna. Lui no, ma Caicedo sì. Immobile marca Pjanic e si getta negli spazi. Sbaglia il rigore. Amen. Correa esce sempre al momento giusto. Quando serve prende il penalty.

Ora Lazio a tre punti dalla Juve e a cinque dall’Inter. Il terzo posto è saldissimo, ma questo per i laziali è il momento dei sogni e della favola. E sogni e favole non si pongono limiti.

Roberto Renga


LEGGI ANCHE:

1 COMMENTO

  1. faccio doveroso auting sulle possibilità scarse della lazio di esplodere, anche se poi la partita con la juve è stata perfetta. il pericolo maggiore x la lazio è stato strakosha, con le sue amnesie,titubanze e altro circa i rinvii. anche le uscite sono scarse. cose vecchie e rilevate.comunque aspettiamo il post feste .dove la lazio spesso va in crisi. scudetto? una balla sesquipedale, avendo una panchina corta circa la qualità, e la speranza labile che i suoi uomini migliori nn abbiano defaillances o incidenti di sorta.