Alena Seredova si racconta: i figli, la Juve, Wanda Nara. E sul ritorno di Buffon…

Alena Seredova in una lunga intervista rilasciata ai microfoni di Radio Radio ha raccontato molte cose sulla sua vita privata, sul ritorno di Gianluigi Buffon a Torino e ha detto la sua anche sul caso Icardi - Wanda

Alena Seredova si è raccontata in una lunga intervista a Radio Radio durante “Lavori in Corso”. Due i temi sui quali la showgirl si è soffermata più spesso, i figli e ovviamente, Gianluigi Buffon. Il portierone italiano è di rientro a Torino e giocherà un altro anno nella Juventus prima di diventarne dirigente. Non poteva mancarea allora una domanda alla Seredova su Buffon. Rispondendo alla provocazione del nostro Direttore Ilario Di Giovambattista che cita la prima pagina della Gazzetta, Alena prontamente ribatte “il titolo ‘Gigi a casa’ non è proprio giusto, o almeno non a casa mia”.

Continuerai a seguire la tua squadra allo stadio?

“Continuerò ad andare allo stadio a vedere la Juve anche quest’anno, la squadra ha bisogno dei tifosi….”

Che rapporto ha Alena Seredova con Gianluigi Buffon?

Normale, il nostro è un rapporto come hanno tutti gli ex con i figli, non è che ti puoi dimenticare l’altra persona, per le scelte da fare velocemente, spesso decido io. Ovvio che se bisogna decidere se si cambia scuola ci confrontiamo, ma sulle cose più banali mi tengo libera di decidere

L’intervista completa a Radio Radio di Alena Seredova che parla anche di Buffon:

LEGGI ANCHE:

1 COMMENTO

  1. E’ stato bellissimo vederla e sentirla, grazie per questa opportunita’ di conoscerla. E quei chili di troppo che lei soltanto dice di avere le stanno benissimo. Andava tutto bene, Stefano e Luigia le hanno chiesto domande decenti, ed ecco che Ilario, come al solito, deve marciare sul populismo piu’ basso, usa la scusa dei figli per arrivare a parlare dell’ex famoso, perche’ secondo lui cio’ attirera’ audience quando ormai non frega piu’ niente a nessuno. Corna. Succedono ovunque Ilario. Smettila. E lei, donna matura, intelligente, trasparente che aveva chiesto di fare domande originali che lo guarda con tristezza per lui… Ma niente. Non ce la fa. Peccato.