Perché andare a modificare una Costituzione impeccabile costruita con tanto ingegno e sacrificio dai costituenti? È su questo che il Direttore di Gazzetta Amministrativa Enrico Michetti ha cercato di far riflettere gli ascoltatori durante il suo intervento. Carta Fondamentale, la nostra, talmente perfetta da essere imperfettibile, secondo il suo giudizio.

Il fatto che la classe politica non sia stata all’altezza non solo delle aspettative, ma dei bisogni del paese, non era un motivo per nulla valido per tagliare di netto la rappresentanza popolare: “Questi politici hanno fatto poco e hanno fatto male – ha osservato il Professore – ma non è che tagliando la democrazia che risolvi qualcosa”.

In diretta con Francesco Vergovich e Fabio Duranti Enrico Michetti ha spiegato le sue motivazioni. Ecco cosa ha detto a ‘Un giorno speciale’.

“Tagliando la democrazia avete solo contribuito al loro disegno malefico!” ► Michetti

“Questi politici hanno fatto poco e hanno fatto male, ma non è che tagliando la democrazia che tu risolvi qualcosa, anzi contribuisci a portare avanti questo disegno malefico. Il cittadino sarà sempre più distate dalla politica e meno rappresentato.

Sì vince nelle estreme periferie: anche la geografia conta. Bisogna fare gli interessi del paese non ascoltare i sondaggi, perché una parte dei partiti ha ascoltato i sondaggi e voleva accreditarsi la vittoria. Ecco perché il 97% dei partiti ha deciso di schierarsi con il Sì, perché sapeva che avrebbe fatto breccia, perché è un messaggio immediato”.


ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

LEGGI ANCHE:

1 commento

  1. il vero problema è che nel paese ci sono sacche politicanti autoreferenti, che privilegiano da sempre lo status quo,e considerano la carta costituzionale un baluardo inattaccabile anche lì dove dovrebbe essere riformata. prendiamo il nn vincolo di mandato, da sottoporre a revisione dopo i tanti casi di mercimonio e corruzione parlamentare. prendiamo il gruppo misto, refugium peccatorum di gente che di fatto tradisce il mandato conferitogli col voto dai cittadini. prendiamo l’annoso problema di personaggi che nascono e muoiono parlamentari, ovvero i saprofiti della repubblica, che si oppongono al ricambio politico. la carta va riformata in vari punti e trovo giusto il sì che ha fatto giustizia della massa parlamentare legata mani e piedi alle logiche verticistiche. il taglio era ora, fatevene una ragione!