Ancelotti ha fatto sapere che non molla. Lo ha fatto sapere in campo, con i quattro gol segnati al Genk e una qualificazione agli ottavi di Champions conquistata con pieno merito: tre vittorie e tre pareggi, nessuna sconfitta, nel girone eliminatorio.

Ha fatto sapere che non molla in campo, ma lo ha fatto sapere anche fuori. Lui non si dimette. <Non l’ho mai fatto e mai lo farò>. Una posizione chiara, comprensibile, perché non ci tiene ad essere l’unico responsabile, a passare per l’unico responsabile, in una situazione in cui tutti hanno sbagliato.

Perchè solo lui, autonomamente, dovrebbe fare un passo indietro? Con la qualificazione alla Champions in tasca, lui che è uno specialista di Champions, si presenterà dunque all’incontro con De Laurentiis, che secondo molti avrebbe già scelto Gattuso. Ma se la sentirà il presidente di tagliare con un allenatore tra i più bravi e più seri d’Europa per voltare pagina? Decisione complicata, forse sofferta.

Mentre Ancelotti aspetta, lui, serenamente. Perchè è vero, come ha detto con classe, che deve essere giudicato per il presente e non per il passato. Ma il suo passato pesa. E la sensazione è che anche in futuro uno come Ancelotti abbia ancora molto da dire.

Alessandro Vocalelli

1 COMMENT

  1. se sei stato sfiduciato, devi mollare. è fatto di correttezza intellettuale. se poi nn eri contento dei pedatori che de laurentis ti aveva affidato, allora potevi dirlo prima. 6 testoni annui nn permettono dichiarazioni di mancanza di auting. x soldo, sembra che la scelta partenopea sia stata errata. quindi………