Comunità terapeutiche per dipendenti da smartphone e giochi online: una ludopatia, senza denaro, che produce danni notevoli. Danni molto gravi, soprattutto per i giovani, che difficilmente avremmo immaginato quando i primi smartphone sono arrivati sul mercato.

Alessandro Meluzzi, psichiatra, criminologo e saggista, è intervenuto a Radio Radio per parlare di questi fenomeni. Ecco l’intervista a ‘Lavori in Corso’ con Luigia Luciani e Stefano Molinari.

“Lo smartphone è diventato una protesi dei nostri sensi. Impegnandoci tutti i giorni è lo strumento ideale per produrre dipendenza, come hardware era naturalmente candidato per diventare tema di dipendenza”.


ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

LEGGI ANCHE:

2 COMMENTS

  1. Ho la forte sensazione che vuoti siano i vari psicologi, psicoterapisti e terapisti e life coach vari
    che si ergono sempre ad essere superiori e decidono per gli altri chi e’ nel giusto e chi non lo e’,
    chi e’ maturo, chi no, chi e’ pazzo e chi no, come si deve vivere, come si fa per essere felici etc etc.. Del resto, basta guardarli in faccia. Che depressi.