3-0 a tavolino in favore della Juventus e -1 in classifica al Napoli. È questa la decisione del Giudice Sportivo in merito alla gara del 4 ottobre, mai disputata per la mancata presentazione della società partenopea a Torino.
Chiara per il giudice la volontà della Società Sportiva Calcio Napoli di non disputare la partita, dopo aver esaminato una serie di atteggiamenti che lasciano intendere che l’impedimento dell’ASL fosse in realtà secondario rispetto a comportamenti ostruzionisti degli azzurri.
Altrettanto chiaro quest’esito secondo l’avvocato Roberto Afeltra, che si era già pronunciato in merito dicendosi scettico sul fatto che l’ASL Napoli 1 fosse la causa prima della mancata partenza dei partenopei destinazione Stadium.
Il suo commento sulla sentenza ai nostri microfoni.

Il web pullula già di commenti sulla sentenza: il giudizio dell’avvocato qual è?

Sono felice del fatto che la mia tesi è stata fatta propria dal giudice sportivo. E’ ancora il primo grado, quindi una fase monitoria senza contraddittorio. Adesso il Napoli sicuramente farà ricorso in primo grado e poi eventualmente andrà anche a ricorrere al Collegio di Garanzia del CONI.
Secondo me la decisione del giudice sportivo è in linea con la norma.
Soprattutto nell’ultimo paragrafo, che è molto importante, specifica il motivo per cui la comunicazione della ASL di impedimento al Napoli di andare a giocare a Torino è arrivata non solo fuori tempo massimo, ma quando il Napoli già nella serata precedente aveva disdetto tutte le sue iniziative per andare a Torino.

È una sentenza che lei aveva già prefigurato…

Normalmente si esamina la norma, si esaminano gli atti e si vedono quali sono le conseguenze. Quello che a me sembrava non idoneo e poco veritiero – l’ho detto anche in contraddittorio nella vostra radio con il difensore del Napoli – è che a mio modestissimo avviso c’erano delle circostanze e delle situazioni che contrastavano col fatto che il Napoli fosse stato obbligato o avesse addirittura il diritto di non partecipare alla gara. Specialmente perché il provvedimento del presidente della Lega è arrivato nella metà del pomeriggio dopo che aveva esaminato tutte le carte inviategli dalla ASL e dal Napoli. Ove il giudice sportivo avesse detto che il presidente della Lega avesse sbagliato, questo significava che il presidente della Lega non avrebbe saputo leggere né interpretare i documenti a lui inviati alla luce del protocollo.

Tra le motivazioni del giudice sportivo c’è il fatto che il Napoli abbia cancellato il volo prima della comunicazione dell’ASL: è la chiave di volta della sentenza?

Certo. E’ questo il punto fondamentale. Il Napoli ha ritenuto il sabato sera di cancellare la trasferta per Torino: in quel momento il divieto non c’era, quindi il giudice sportivo ha ritenuto di interpretare questo comportamento (che fa parte di un insieme) finalizzato a una volontà del Napoli di non andare. Non ad un impedimento che il Napoli aveva nell’andare a giocare quella partita.

1 commento

  1. Chiariamo un concetto ed esponiamolo apertis verbis, senza usare gli adorabili tecnicismi degli avvocati Michetti e Afeltra.
    La malafede del Napoli è palese e plateale.
    Al Napoli hanno fatto di tutto per non giocare, Aurelio de Laurentis (AdL) si è appellato a Vincenzo de Luca (VdL) e si sono mosse un paio di ASL.
    Ora, appurato che il 3-0 a tavolino e il -1 di penalità sono la penalità minima, bisognerebbe parlare dei reati di abuso d’ufficio perseguiti dai direttori delle ASL coinvolte e del concetto di lealtà sportiva col quale AdL si è pulito voi potete immaginare cosa.
    Perché la questione è grave: AdL ha cercato di combinare con Andrea Agnelli (AA) una vera associazione a delinquere, cosa fortunatamente sventata da AA.
    La slealtà sportiva di AdL è oscena ed andrebbe sanzionata ai massimi livelli.
    Personaggi di infimo livello come AdL andrebbero espulsi dal calcio una volta per tutte.
    Si era già capito il personaggio nei suoi rapporti con Ancellotti e i giocatori e poi con la questione COVID, la sua totale noncuranza da malato, la citazione delle ostriche… siamo di fronte ad una specie di mezzo guappo arricchito, un villano rifatto che si muove sempre in totale spregio delle regole comuni.
    Il calcio starebbe molto meglio senza questo figuro.