Il momento è delicato, quasi depresso in ambiente giallorosso. La squadra di Di Francesco abbandonata dai tifosi e dalla società deve però subito riprendere i ritmi perché domenica sera si incontra una squadra sentimentalmente opposta, quel Milan che ha steso il Napoli con la doppietta del suo nuovo acquisto Krzysztof Piatek. Entusiasmo e depressione sono la specialità dell’ambiente romano, in grado di passare dall’uno all’altro in un batter d’occhio: c’è chi spera nella vittoria di domenica per riprendersi, chi invece è più critico guardando con scetticismo anche il valore dei possibili tre punti contro il Milan.

Tra questi c’è Franco Melli, che in una mattinata incandescente di ‘Radio Radio Mattino – Sport & News’ ha subito voluto mettere le cose in chiaro per la situazione dei giallorossi: “Dentro Roma-Milan porteranno dentro tutto il disagio di una società che è allo sfascio” ha sentenziato senza mezzi termini (per cui non è famoso) Melli. “Questa è una società che in otto anni non ha vinto niente, che ha mascherato fino a un certo punto tutto ciò e che l’anno scorso si è fatta decisamente male con una campagna acquisti scellerata. Sono stati messi a disposizione dell’allenatore dei finti giocatori importanti che piano piano stanno andando alla deriva“.

Non si può perdere 7-1 e pensare che non sia successo niente, come mi pare che vorrebbe Pruzzo e come vorrebbero probabilmente i giocatori della Roma, ma tu hai perso con un passivo indelebile” ha infine concluso Melli: altra benzina sul fuoco di un ambiente caldissimo, ma spesso le critiche servono per migliorare.