Torna Totti, ora nove finali

Roma  Fenerbahce

«Col Torino è come una finale». Qualora ce ne fosse bisogno ieri Garcia lo ha ribadito a più riprese alla squadra. In palio, domenica contro i granata, non ci sarà un trofeo (che a Trigoria manca ormai dal 2008), ma il predominio cittadino sulla Lazio e la terza vittoria di fila dopo i successi di misura con Cesena e Napoli. Una magra consolazione? No, perché l’eventuale sorpasso dei biancocelesti in campionato, oltre a togliere i soldi per l’accesso diretto alla Champions, minerebbe alla base il progetto tecnico rimesso in piedi dopo il 26 maggio 2013. La Roma in questi 5 giorni non ha avuto modo di godersi il ritorno alla vittoria all’Olimpico tra le polemiche sugli striscioni e i festeggiamenti dei cugini per la qualificazione alla finale di coppa Italia. Per questo Garcia ha cercato di isolare la squadra concentrandosi solo sul campo e ricordando ai giocatori l’importanza della gara di domenica: «Non possiamo più sbagliare, sta solo a noi mantenere il secondo posto». Il tecnico potrà contare di nuovo su Totti in queste ultime nove finali. Il capitano anche ieri si è allenato col gruppo e ha ormai messo in cantina i problemi muscolari al flessore della coscia sinistra. Sarà lui – che la Lazio l’ha già allontanata con la doppietta nell’ultimo derby – a guidare la squadra nello sprint finale. Dovrebbe essere al suo posto anche De Rossi al quale è stata riscontrata una micro frattura del processo spinoso ad una vertebra dorsale. Un problema che in realtà il centrocampista ha da tempo (quasi un mese) e potrebbe aver influenzato le sue recenti prestazioni. Problemi anche per Cole: frattura del 5˚ metacarpo della mano destra. Ma ci sarà, mentre resteranno ancora ai box Maicon e Keita. Visto l’arretramento di Florenzi al posto dello squalificato Torosidis, in attacco è ballottaggio per due maglie tra Ljajic, Iturbe, Ibarbo (in ascesa) e Doumbia (in calo). In attesa del ritorno in campo, infine, per Totti è arrivata la proposta del leader della Lega Nord Salvini: «Lo stimo tanto. Non so come la pensa politicamente, ma lo vedrei benne a occuparsi di sport con la Lega».

LEGGO