Pioli: «La partita l’abbiamo fatta noi»

PIOLI_LAZIO

C’è ancora da lavorare in casa Lazio, ma bisogna ripartire dal secondo tempo. Sotto di tre gol i biancocelesti hanno messo in campo personalità segnando con Djordjevic e sfiorando più volte il secondo gol. «C’è mancata un po’ di lucidità, ma nel secondo tempo abbiamo fatto meglio creando cinque o sei palle gol», le dichiarazioni di Stefano Pioli. «La partita l’abbiamo fatta noi, il Milan è stato più bravo nelle situazioni topiche. Abbiamo comandato il gioco, la manovra è stata corale. Ci vuole più determinazione ed attenzione. Abbiamo preso due gol nei momenti decisivi della partita, ma abbiamo giocato a testa alta fino alla fine. Col rigore di Candreva potevamo riaprire la gara soprattutto se i tempi di recupero fossero stati più lunghi, cinque mi sono sembrati pochi».

De Vrji ha sofferto El Shaarawy: «De Vrji? Ha grandi potenzialità, è molto giovane, ma ancora un po’ acerbo per il nostro campionato. Ma io ragiono in maniera differente. È tutta la squadra che ha avuto problemi, quindi è normale sia così. Il mercato? La società si è mossa molto bene, allestendo un organico competitivo per accedere all’Europa».

MIGLIORARE
Marco Parolo è d’accordo con il tecnico: «Siamo un cantiere aperto e stiamo lavorando. Siamo cresciuti nel finale perché nel secondo tempo abbiamo trovato più spazi. C’è mancata la velocità, ma siamo in crescita. Non c’è stata cattiveria e determinazione, ma siamo una squadra che ha spirito e voglia di lottare. Se mi aspettavo un Milan così? Sono stati bravi a sfruttare gli spazi in contropiede».

IL MESSAGGERO