Pari Toro, dramma Europa: Cerci fallisce rigore al 94′

CERCI_ALESSIO
Cerci tradisce il Toro e ai preliminari di Europa League ci va il Parma. Non basta pareggiare 2-2 a Firenze agli uomini di Ventura per tornare in Europa dopo vent’anni dalla partecipazione all’allora Coppa delle Coppe. Quando i granata di Mondonico vennero eliminati dall’Arsenal. Partita spettacolare e pari giusto, in una girandola incredibile di emozioni. Con la beffa finale del rigore sbagliato dal numero 11 granata nel recupero.
SCELTE — Gemellaggio storico, tifosi amici, cori contro la nemica comune: la Juventus. Ed oltre 40mila tifosi sugli spalti. Questa la cornice ad una gara dove Montella piazza Borja Valero dietro Cuadrado e Pepito Rossi. Ventura arretra Vives sulla linea dei tre di difesa, con Tachtsidis in cabina di regia. Davanti, al posto dello squalificato Immobile, c’è Meggiorini. Al 9′ prima occasione. Sinistro di Rossi dal limite, leggera deviazione, e miracolo di Padelli in corner. Al 21′ strepitosa azione personale di Cerci: l’attaccante viene poi trattenuto ai limiti dell’ area di rigore da Hegazi. Proteste ospiti, ma Rizzoli non fischia. Il primo tempo fila via senza ulteriori emozioni. Ritmo basso e zero occasioni con i viola concentrati sul possesso palla ed il Toro incapace di far partire Cerci e Meggiorini in contropiede.
SCOSSE — Nella ripresa si riparte con gli stessi 22, ma il Toro sembra più convinto. Kurtic ci prova dopo pochi secondi, alto. Risponde la Fiorentina con un colpo di testa di Aquilani fuori di poco. All’11’ Cuadrado viene toccato in area da Vives. Rigore per i viola e sedicesimo gol in campionato di Rossi. Padelli da una parte, palla dall’altra. Il Torino si scuote, i tifosi viola cantano “Noi vogliamo il Toro in Europa”. Prima Cerci poi Glik non arrivano di poco su due palloni invitanti, maa Cuadrado in contropiede sfiora il raddoppio. Ventura butta dentro Barreto e Meggiorini sperando nella scossa, che arriva prontamente: discesa travolgente di Cerci, palla in mezzo per Larrondo che segna indisturbato. Al 74′ annullato un gol a Moretti per una precedente spinta in mischia del solito Larrondo ai danni di Gonzalo Rodriguez. Ad undici dal termine il Toro si suicida, prendendo gol sugli sviluppi di un corner a proprio favore. Contropiede orchestrato da Cuadrado e chiuso con un tocco ravvicinato di Rebic. 2-1. Non è finita. Perché a 6′ dal termine Kurtic infila la punizione vincente con Rosati sorpreso. Al secondo dei 4 minuti di recupero Roncaglia abbatte Barreto in area. Rigore per il Toro ma Cerci si fa respingere il pallone da Rosati. L’attaccante piomba in un dramma sportivo, a Parma esultano.
GAZZETTA DELLO SPORT