Milan: Ancelotti, via libera del Real Madrid. I rossoneri al lavoro per il suo sì

ANCELOTTI

Il Real libera Ancelotti lunedì (o martedì) e il Milan lo aspetta volentieri. Il tecnico emiliano tiene aperta la porta ai rossoneri dopo la “convocazione” di Silvio Berlusconi: nella cena di giovedì sera con Ernesto Bronzetti, intermediario in questi delicatissimi frangenti, ha confermato tutto il suo interesse al progetto milanista, ma prima deve chiarire la sua posizione con il Real Madrid. Del resto Adriano Galliani sa benissimo che l’operazione-ritorno è legata ad un’unica eventualità: il licenziamento in tronco, con il relativo pagamento della clausola per la stagione 2015-16.

INCONTRI — La giornata di ieri è trascorsa tra una telefonata e l’altra. Ernesto Bronzetti ha incontrato Florentino Perez e il suo braccio destro Josè Angel Sanchez. La sua opera diplomatica poggia sull’ottimo rapporto con il numero uno madridista, ma non è bastata per evitare il divorzio. Alla vigilia della gara con il Getafe, quella dell’incombente addio, ieri Ancelotti ha parlato ai giornalisti in un clima surreale e con dichiarazioni fatalmente di facciata. “Non ho parlato con il club, ma continuerò a pensare di essere l’allenatore del Real Madrid finché non mi comunicheranno qualcosa di diverso”. Fornisce, comunque, un’indicazione temporale ben precisa sulle sue prossime mosse: “Dopo la gara con il Getafe, domenica o lunedì, incontrerò la società per parlare del futuro”.

BILANCI — Anche in queste ore amare riesce a dribblare le domande su questa stagione ormai agli sgoccioli: “Il mio rapporto con Florentino Perez è sempre stato buono, ora deve prendere una decisione difficile. Ringrazio i giocatori per il loro sostegno, ma la valutazione spetta al club”. Evita anche le trappole sull’erede designato Benitez: “Non mi dà fastidio sentir parlare di altri allenatori, è normale che sia così. Se resto qui ne sarò felice, altrimenti avrò l’orgoglio di aver passato qui due anni fantastici, che hanno portato un momento di intensa gioia al club”.

LA GAZZETTA DELLO SPORT