Mazzarri: «Mourinho? Seppellita l’ascia di guerra»

Walter Mazzarri

ROMA – «Ho un ottimo rapporto con Mourinho, a volte la stampa va a rivedere quello che è successo prima in Italia ma è normale che di tanto in tanto ci si dica qualcosa l’uno contro l’altro. Ma fra di noi c’è grande rispetto professionale». Walter Mazzarri seppellisce l’ascia di guerra a due giorni dalla sfida fra il suo Watford e il Manchester United del tecnico portoghese. I media locali sono andati a ripescare il botta e risposta del febbraio 2010 quando Mazzarri, all’epoca sulla panchina del Napoli, rivendicava la bontà del suo lavoro («Se tiriamo in ballo i risultati, dico che i miei sono superiori rispetto a quelli di Mourinho pensando alle forze che ho avuto a disposizione»), provocando la replica infastidita di Eladio Parames, portavoce dello Special One: «Un asino può lavorare molto ma non diventerà mai un cavallo di razza». «Non c’è nessun problema fra noi, lo inviterò a bere qualcosa dopo la partita. Il ko contro il City non ha indebolito i Red Devils, è normale perdere alle volte. Ibra? E’ un giocatore che definirei eterno, immortale. L’ho affrontato molte volte e puè fare la differenza sul campo», ha concluso Mazzarri.

corrieredellosport.it