Lotito: «Clima ostile, così i giocatori se ne vanno»

Claudio Lotito 1

«I giocatori non ne possono più di questa situazione». Claudio Lotito non usa giri di parole. Esce allo scoperto e mette il dito nella piaga in merito a quello che resta l’argomento principale in casa Lazio. «La contestazione nei miei confronti sta creando un clima pessimo all’interno della squadra. I giocatori mi dicono che non si divertono più, che tutto quello che succede sta diventando un problema. Per molti di loro vivere in un contesto del genere non è affatto piacevole. Andando avanti così il problema non sarà che i giocatori non vogliono più venire alla Lazio, ma che se ne vogliono andare». Dopo aver fotografato la situazione Lotito si chiede: «E’ questo il bene della Lazio che i tifosi dicono di voler perseguire? Ma poi non è neanche corretto parlare di tifosi. Qui il problema è l’ambiente che ruota attorno alla Lazio». Il presidente resta tuttavia fiducioso sulle prospettive stagionali della sua squadra: «Il campionato non è ancora finito. La corsa ad un posto in Europa si è complicata? Il bilancio lo faremo al termine della stagione».

Curva vuota La stagione della Lazio rischia però di chiudersi in anticipo. Perché solo battendo domenica il Parma per i biancocelesti si riaprirebbe il discorso Europa League ed avrebbe così un senso l’ultimo mese e mezzo di campionato. La Lazio dovrà però provare a farlo senza il sostegno della sua curva. Perché, proprio mentre ieri Lotito denunciava l’insostenibilità della situazione venutasi a creare, gli ultrà annunciavano ufficialmente quanto era nell’aria: la curva Nord resterà vuota domenica col Parma e poi anche nelle restanti partite di campionato. Gli ultrà hanno invitato a fare altrettanto i tifosi degli altri settori dell’Olimpico. Il braccio di ferro con Lotito è ormai arrivato al punto di non ritorno.

LA GAZZETTA DELLO SPORT