Ljajic mai più nella Serbia: «Non ha lo spirito giusto»

ljajic  Empoli Roma 2

Adem Ljajic, a meno di clamorosi ripensamenti, non farà più parte della nazionale serba fino a quando il Ct sarà Dick Advocaat. A confermarlo è stato lo stesso commissario tecnico della Serbia che ha parlato di “mentalità differenti” tra lui e l’attaccante della Roma. Anche Neven Subotic sarà escluso dalle prossime partite di qualificazione a Euro 2016. Il difensore del Borussia Dortmund, ha spiegato Advocaat, “mi ha fatto capire di non essere interessato a giocare in nazionale“.

MENTALITA’ “Vista la situazione -ha detto Advocaat in conferenza stampa- penso che la cosa migliore sia tenere giocatori con questo tipo di atteggiamento lontani dalla squadra per evitare che rovinino lo spirito del gruppo“. “Ljajic è un buon giocatore -ha aggiunto il Ct-, ma ha una mentalità differente da quella che io cerco nei miei giocatori. Fino a questo momento ho visto quasi tutti i giocatori felici di far parte della squadra, e non ho bisogno di quelli che non si sentono completamente a loro agio in nazionale”. Ljajic, escluso dall’ex Ct Sinisa Mihajlovic prima delle qualificazioni a Euro 2012, aveva fatto una breve apparizione con la maglia della Serbia lo scorso mese in occasione dell’amichevole contro la Francia conclusasi 1-1. Subotic, invece, era fuori dal giro della nazionale da circa un anno.

LA SORPRESA – La sorpresa tra i 24 convocati della Serbia per le partite di qualificazione contro l’Armenia l’11 ottobre e contro l’Albania tre giorni dopo è costituita dall’attaccante del Partizan Belgrado, Danko Lazovic che, secondo Advocaat “ha esattamente lo spirito che serve per giocare in nazionale. L’ho visto giocare contro il Tottenham e ha dimostrato impegno e passione, le caratteristiche che cerco nei miei giocatori”.

CORRIERE DELLO SPORT