Lazio, Reja: “Col Milan è determinante”

Lazio Atalanta Reja' 1

Due squadre contestate dai tifosi, alla ricerca di una stagione di riscatto. Lazio-Milan vale tanto per i biancocelesti. Non solo per la classifica, quanto sul profilo psicologico. Edy Reja lo ammette: “Soprattutto questa partita vale 3 punti per la nostra rincorsa per l’Europa. Poi sì, è vero, battere il Milan avrebbe tanti risvolti importanti. Per certi versi ha ragione Seedorf: le nostre stagioni non sono iniziate bene. Ma noi stiamo crescendo costantemente e quindi di questo ultimo periodo della Lazio non c’è niente da buttare, soprattutto in prospettiva. Temo il Milan dopo la settimana che ha vissuto: certe situazioni spesso aiutano ad avere una reazione importante. Ai miei chiedo la giusta intensità. I rossoneri certamente vorranno dimostrare tutti i valori che hanno dopo le tante critiche ricevute. A me interessa che la mia squadra faccia la partita giusta, senza offrire ai rivali occasioni buone per colpire. Milan, Genoa e Parma in sette giorni: senza dubbi decisivi per il nostro futuro. Valuteremo chi schierare, penso di convocare Postiga. Ma in questo momento il Milan è determinante e quindi non faccio conti di formazione contro i rossoneri”.

SEEDORF — Un giudizio sul rivale in panchina: “Quando uno subentra a campionato in corsa non è mai facile. Che ci sia qualcosa che non funziona lo dicono i risultati. Non è detto però che sia sempre colpa solo dell’allenatore. Non è che Seedorf abbia la bacchetta magica. Credo che sia giusto dargli il tempo”.

CONTESTAZIONI — Reja ribadisce: “Ognuno è libero di dire quel che vuole, ma a noi serve l’affetto della nostra gente. Mi auguro che, considerando che di fronte c’è il Milan e per la criticità di questa partita, ci stiano vicini”.

EUROPA — Reja fa il conto: “Siamo a un punto cruciale della stagione. Non possiamo sbagliare un colpo. C’è il Parma che sta meritando la classifica per il gran bel gioco che sta offrendo. Sarà dura da agguantare, ma noi ci proveremo fino alla fine. Il Milan ha giocatori che aggrediscono molto alti capaci di giocare con grande intensità. Cercheremo di fare altrettanto a centrocampo e proveremo a proporre, se ce lo lasceranno fare, e proveremo a colpire”.

KEITA — Un giudizio sul campioncino del momento, Keita Balde Diao: “Sta facendo bene, per far sì che un giocatore mantenga il rendimento ci vuole tempo e lavoro. Gli ho dato opportunità, le ha colte e quindi merita fiducia. I giovani hanno dei picchi alti e bassi, Keita ha fatto vedere che ha dei mezzi importanti, ma deve mantenere un certo equilibrio. Vorrei che continui a lavorare così. Può migliorare gli aspetti negativi che ancora ha ma posso ritenermi soddisfatto. L’importante è che non si perda per strada”.

LA GAZZETTA DELLO SPORT