Lazio: Biglia resta e arriva Leitner

BIGLIA_LAZ

Rimangono pochi dubbi da spazzare via, la Lazio di Inzaghi ripartirà da Lucas Biglia. Il rinnovo è a un passo, la firma è attesa nel ritiro tedesco di Marienfeld, domani sbarcherà a Roma l’agente Montepaone: «Il ragazzo è ambizioso e vorrebbe lottare per traguardi prestigiosi – ha svelato il procuratore dall’Argentina – ma l’offerta del presidente Lotito è troppo importante».

Uno sforzo necessario a prolungare il matrimonio, il club biancoceleste offrirà al capitano un triennale da 2,5 milioni di euro più 500 di bonus a stagione, la trattativa è ai dettagli finali. In realtà dal mercato non è arrivata nessuna proposta concreta, la Lazio ha sempre valutato Biglia almeno 25 milioni di euro, a giugno avevano sondato il terreno Manchester Utd e Valencia.

Nulla da fare, il Principito lotterà ancora con l’aquila sul petto e si riprenderà le chiavi del centrocampo insieme a Parolo e Lulic. A proposito, è fatta per Moritz Leitner, mediano classe 1993 (ma anche mezzala) del Borussia Dortmund, il direttore sportivo Tare ha chiuso l’affare nel giro di pochi giorni. Serviva il sostituto di Onazi, il tedesco di origini austriache completerà il reparto insieme a Cataldi, Morrison e Milinkovic Savic: la Lazio verserà nelle casse del patron Reinhard Rauball circa 3 milioni di euro (il contratto del giocatore era in scadenza 2017). Trenta milioni quindi da investire sul mercato, a breve scatterà l’assalto al dopo Candreva (ufficiale all’Inter), la pista Thauvin è saltata definitivamente: il Newcastle non vuole cederlo al Marsiglia, il francese rischia di restare in Championship, ma la Lazio s’è stancata di aspettare e da una settimana ha iniziato a studiare altri profili.

Attenzione a Boudebouz del Montpellier, Sansone del Sassuolo, Gomez dell’Atalanta, Januzaj dello United e a Cerci sicuramente in uscita dall’Atletico Madrid. L’esterno di Velletri farebbe carte false pur di tornare a Roma, è italiano e inoltre aiuterebbe la Lazio a rispettare il famoso regolamento stabilito lo scorso anno dalla FIGC. L’ex Toro costa 7 milioni di euro, ma il contratto in scadenza nel 2017 permetterebbe a Lotito e Tare di acquistarlo con uno sconto di 2-3 milioni. Capitolo difensore, non è finita per Rodrigo Caio del San Paolo, la Lazio ha riavviato i contatti. Il difensore centrale è tentato dal Siviglia di Sampaoli, è in attesa di ricevere il passaporto comunitario, andrà via dal Brasile per 9-10 milioni di euro. Tra le alternative rimbalzano i nomi di Acerbi, Barba e Ranocchia. Cessioni: partirà Mauricio, forse pure Djordjevic (Balotelli verrebbe preso subito in considerazione), da risolvere al più presto il caso Keita. Il senegalese potrebbe non raggiungere – d’accordo con la società – il ritiro in Germania, lo scontro è totale e la situazione sempre più complicata. La Lazio pretende 30 milioni di euro, si accontenterebbe anche di 25, l’unica proposta (rifiutata) da 20 milioni di euro è arrivata dal Monaco. Senza dimenticare il caos portieri: Marchetti, Berisha e Vargic hanno i bagagli pronti, con il Genoa di Preziosi occhio all’operazione Perin ma è ancora tutto in ballo, le sorprese sono dietro l’angolo.

IL TEMPO