Lazio a cena sognando la Champions

LAZIO PARMA

Tutti a mangiare la pizza con l’Empoli nel mirino, sognando di poter al più presto ascoltare la musichetta della Champions League. Metti una sera a cena quasi tutti i giocatori della Lazio (ne mancavano un paio per impegni personali), per fare gruppo e affrontare la prova più difficile che li attende: confermarsi al terzo posto dopo che tutti gli avversari hanno scoperto il valore di questa squadra.

Un conto è giocare da sorpresa, senza che nessuno ti accredita un ruolo da protagonista per grandi traguardi, un altro è scendere in campo come a Empoli da favorita, da terza in classifica. A guidare il gruppo Candreva, Biglia, Cana e Djordjevic, poi quasi tutti gli altri alla Pizzeria Vignola a due passi dallo stadio Olimpico. Non è un evento unico, è accaduto spesso in passato ma a pochi giorni dalla trasferta di Empoli ha una valenza importante che testimonia la voglia del gruppo di non sottovalutare il prossimo impegno. Per la cronaca erano presenti anche Pioli e il suo staff.

Tutto bene su questo fronte, peccato che su quello degli infortuni le notizie non siano molto positive. Ieri si è nuovamente bloccato il giovane Cataldi (lesione di primo grado, che sfortuna) che salterà Empoli così come i lungodegenti Basta e Keita. Marchetti non sta bene (di nuovo?) ed è in dubbio: pronto Berisha. Anche Radu non ce la fa, appuntamento al 22 novembre dopo la sosta del campionato quando all’Olimpico scenderà la Juventus. E la Lazio vuole arrivare allo scontro con i campioni d’Italia da terza in classifica e, per riuscire a conquistare i tre punti in Toscana, sarà aiutata da almeno 1.500 tifosi che seguiranno i biancocelesti in trasferta. Altra novità, rispetto agli ultimi tempi, c’è solo da sfruttare il momento positivo e la squadra sa che che cosa deve fare sul campo.

IL TEMPO