Juve, pressing su Andrè Gomes ma resta la concorrenza dello United

Andre-Gomes

Settimana di festeggiamenti ed appuntamenti di calciomercato per la Juventus. Nelle scorse ore, complice anche l’infortunio di Marchisio, si sono registrate delle importanti accelerate sul fronte centrocampo aspettando la firma di Massimiliano Allegri. Una pura formalità ripetono a ‘Vinovo’. Il rinnovo fino al 2018 a circa 4.5/5 milioni di euro a stagione atteso per i prossimi giorni (“Vediamo” il commento in merito dell’ex allenatore del Milan) è già stato, infatti, blindato e condiviso (le parti avevano parlato anche di una possibile opzione fino al 2019). Attesa anche l’ufficialità di Barzagli: il centrale sarà bianconero per altre due stagioni.

SCATTO GOMES – Il livornese e Marotta nei nuovi meeting a Vinovo approfondiranno soprattutto la situazione di Andre’ Gomes. Il centrocampista del Valencia, individuato dagli osservatori guidati dal ds Paratici come profilo ideale per la mediana bianconera, è l’oggetto dei desideri di numerosi club europei: il suo potente agente Jorge Mendes continua a dialogare con lo United (dove dovrebbe andare proprio l’altro suo assistito Mourinho) e il Real Madrid. La Juventus è consapevole delle difficoltà e dopo aver intensificato i contatti con l’entourage del giocatore e superato la concorrenza del Napoli che tuttavia resta molto vigile, studia la strategia migliore per provare a sferrare l’attacco decisivo. Gomes, classe 93′, è considerato uno dei migliori prospetti d’Europa per la sua duttilità. Ottimo in fase offensiva con i suoi inserimenti, garantisce anche la giusta copertura al reparto arretrato. Guadagna circa 1.8 milioni di euro, costa non meno di 30 milioni di euro, ma (aspetto fondamentale) il suo cartellino resta legato anche ad un fondo di investimento. Tradotto: la sua cessione per delle ‘logiche’ di calciomercato dovrà essere ben monetizzato. Non mancano ovviamente le alternative come Isco (con il Real c’è in ballo il diritto de recompra per Morata che le merengues vogliono esercitare), Rabiot (attenzione però alla Premier), Witsel nel mirino anche della Roma mentre tanti altri obiettivi sono da tempo (quasi) definitivamente sfumati: Guendogan resta ad un passo dal City di Guardiola, Lassana Diarra ha sempre più voglia di Psg. L’agenda di Marotta e Paratici verrà così costantemente aggiornata: la priorità di Allegri e della società resta quella di migliorare la squadra per puntare il prossimo anno alla Champions League.

Il Messaggero