Juve, ora il vice Marchisio. Montolivo soluzione last minute

Marchisio

Ma chi l’ha detto che un esterno (ala o attaccante, comunque un tipo frizzantino) non possa fare le fortune di un tecnico innamorato del 4-3-1-2? Basterebbe, in fondo, non fossilizzarsi su un unico modulo e se c’è un allenatore tutt’altro che integralista in questo senso, costui è Massimiliano Allegri da Livorno. La premessa è d’obbligo per chi si ostina a credere che l’arrivo del 27enne Juan Guillermo Cuadrado sia soltanto un’opportunità colta dai campioni d’Italia sul mercato e non (soprattutto) un’arma potenzialmente letale per gli anti-juventini. Il dibattito, in attesa del responso del campo, monterà inevitabilmente: nel frattempo anche i residui dettagli sono stati risolti e il colombiano è un nuovo giocatore bianconero. Ieri il classico scambio di documenti fra Juve e Chelsea, in serata (intorno alle 23) l’arrivo dell’ex Fiorentina a Torino (via Malpensa), oggi il tour delle visite mediche, con foto istituzionali, selfie per l’occasione, sorrisi in abbondanza e pure la firma sul contratto. […]

La prossima tappa
L’arrivo di Cuadrado non ferma la corsa della Juve sul mercato. Anche se va sottolineato come il trequartista rischi di non essere più una priorità, a vantaggio della ricerca di un vice Marchisio. Del resto la prova incolore della Juve anti-Udinese ha dimostrato che nel cuore della mediana c’è bisogno di un innesto. Ad Allegri, in verità, piace sempre Julian Draxler («Una mezz’ala dal grande futuro», disse il tecnico in Cina) e gli uomini mercato bianconeri rimangono alla finestra per il nazionale tedesco. Perché qualora lo Schalke si mostrasse disponibile, il ds Fabio Paratici sarebbe pronto a prendere il primo volo in mattinata per la Germania. Il problema è che la Juve continua a non essere convintissima delle condizioni fisiche del giocatore, tanto che Manchester City e Bayern Monaco (non certo a caso) hanno presto abbandonato la pista. […]

Proposte o alternative
Sfumato l’armeno Henrikh Mkhitaryan perché non comunitario e con Draxler che perde quota, una pista “curiosa” può decollare a fine mercato. Ieri al club bianconero è stato accostato il nome di Riccardo Montolivo, 30 anni e un altro di contratto con il Milan. Un elemento sicuramente gradito a Massimiliano Allegri che lo conosce benissimo, avendolo allenato per una stagione e mezza in rossonero, e che magari avrebbe fatto comodo domenica contro l’Udinese. Ieri la Juve ha incontrato l’agente del milanista, ma per un’altra ragione: completare il prestito di Paolo De Ceglie, appartenente alla medesima scuderia, alla Sampdoria. E’ bastato questo per scatenare l’abbinamento tra il centrocampista e la Juve: risulta che il giocatore sia stato oggetto di un pour parler, col Milan disposto anche ad aprire, però in corso Galileo Ferraris non intendono spendere alcunché. Sarebbe un colpo da ultimo minuto qualora non vi fossero altre situazioni aperte. Non è il caso della Juve alla quale un tempo piaceva tantissimo anche il belga Axel Witsel, 26 anni, dello Zenit San Pietroburgo. Gli intermediari sperano di piazzarlo, magari in Italia…

TUTTOSPORT