Italia-Spagna 1-1: De Rossi su rigore salva gli Azzurri

DE_ROSSI_ITA

TORINOVentura ferma la Spagna sull’1-1, nel secondo match di qualificazione a Russia 2018. Non riesce a vincere, come Conte agli Europei, ma alla fine può essere soddisfatto lo stesso. Dopo un primo tempo bruttissimo, in cui l’Italia ha solo subito senza superare quasi mai la metà campo, nella ripresa si è visto il carattere e una buona squadra. Paradossalmente l’Italia migliore si è vista dopo essere passata in svantaggio, ma è comunque un buon segnale. Nel finale gliAzzurri hanno messo alle corde gli spagnoli, soprattutto grazie a un ispiratissimo Immobile e per un soffio non è arrivato il sorpasso.

C’è ancora tanto da lavorare per Ventura, tanti errori da correggere, ma ci sono anche degli aspetti positivi. Agli Europei, nella sfida vinta 2-0, si era vista la migliore Italia di Conte: questa è ancora un cantiere aperto, ma intanto Venturasta cominciando a scrollarsi di dosso pian piano proprio l’ombra dell’ex ct, ora sulla panchina delChelsea. Allo Stadium Ventura era sempre uscito sconfitto nei derby contro laJuventus da allenatore del Torino: stavolta, da padrone di casa, è uscito imbattuto. È salva anche la striscia da record degli Azzurri: in 50 partite casalinghe di qualificazioni ai Mondiali nella storia l’Italia non ha mai perso, 43 vittorie e 7 pareggi.

DEBUTTA ROMAGNOLI – Ventura fa debuttare Romagnoli in difesa, al fianco di Bonucci e Barzagli. In attacco la coppia Pellè-Eder. La formazione è per 9/11 la stessa che ha battuto la Spagna agli Europei: ci sono solo Romagnoli eMontolivo, al posto di Chiellini e Giaccherini. La Spagna si schiera con un 4-3-3 che vede Koke, Busquets ed Iniesta a centrocampo; David Silva, Diego Costa e Vitolo a comporre il reparto offensivo.

POCA ITALIA – Allo Stadium l’Italia non offre un grande spettacolo nel primo tempo. Gli azzurri si piazzano in difesa e subiscono il “Tiqui-Taqua” della Spagna che è totalmente padrona del campo. A mettere da subito in difficoltà l’Italia è il pressing altissimo e asfissiante degli uomini di Lopetegui. Ventura assiste impassibile allo “spettacolo”, cercando di capire come fare per uscirne. La Spagna fa girare vorticosamente il pallone, ma non riesce a superare facilmente il muro azzurro. La prima vera occasione arriva al 20′, con Piqué che di testa spedisce il pallone al lato di un soffio.

Cinque minuti dopo Piqué ci riprova di testa, ma trova pronto Buffon. Al 30′ Ventura perdeMontolivo che si infortuna al ginocchio dopo un contrasto con Sergio Ramos, e lo sostituisce conBonaventura. L’Italia non riesce a costruire nulla e nemmeno a ripartire. Ci prova una volta sola, ma Eder rallenta l’azione sprecando un buon contropiede sotto lo sguardo perplesso del ct. I primi 45 minuti si concludono con un parziale di 7 tiri in porta a 0 per gli uomini di Lopetegui, ma per fortuna il risultato resta inchiodato sullo 0-0. Da registrare anche qualche scintilla tra Diego Costa e Bonucci: il capocannoniere della Premier al 45′ si becca anche l’ammonizione per un colpo al volto del difensore dalla Juve.

PAPERA BUFFON – Ventura inizia la ripresa senza cambi ma chiede ai suoi di alzare il pressing, per non soccombere a quello spagnolo. Gli Azzurri eseguono e in parte la contromossa funziona. Al 55′ però la Spagna passa improvvisamente in vantaggio non grazie a una delle sue fitte trame, ma per un liscio clamoroso diBuffon in uscita che spalanca la porta a Vitolo. L’episodio scuote gli Azzurri che reagiscono subito: non a caso un minuto dopo Pellè di testa conclude per la prima volta verso la porta di De Gea facendo venire i brividi al portiere spagnolo. Al 59′Ventura cambia l’attacco inserendo Immobile al posto di Pellé, che non prende bene la sostituzione e non stringe la mano al ct. La mossa però si rivelerà azzeccatissima.

IMMOBILE SFIORA IL PARI – L’Italia prende sempre più coraggio e al 65′ proprio Immobile in spaccata sfiora il pareggio, su cross di Florenzi spizzato daEder. Un minuto dopo Diego Costa in fuorigioco calcia il pallone a gioco fermo e meriterebbe il secondo giallo, ma l’arbitro Brych non se la sente forse perché ha visto che era già pronto il cambio con Morata. La Spagna così si salva, facendo entrare l’ex attaccante della Juventus, che lo Stadium lo conosce bene. Al 68′ Vitololanciato in contropiede grazia l’Italia calciando fuori da solo davanti a Buffon.Ventura si gioca il tutto per tutto al 75′ spedendo in campo il “Gallo” Belotti al posto di Parolo, per un’Italia a trazione anteriore. All’81’ Sergio Ramos stende Eder in area: l’arbitro all’inizio non aveva concesso il rigore, poi ci ha ripensato su segnalazione dell’arbitro di porta. Dal dischetto si presenta De Rossi che spiazzaDe Gea. L’Italia va vicinissima al raddoppio all’85’ ma sul tiro cross di Immobilenessuno trova l’impatto col pallone. Finisce con un pareggio, l’Italia ha sfiorato il colpaccio, ma il bicchiere è sicuramente mezzo pieno.

corrieredellosport.it