Inter, Thohir: “Mancini grande tecnico. A gennaio altri acquisti”

thohir

Piedi per terra ma grande felicità e una certezza: Roberto Mancini. A poche ore dalla sfida con la Fiorentina in cui l’Inter cercherà la sesta vittoria in sei gare, Erick Thohir si gode l’ottimo avvio di campionato pur consapevole che è appena l’inizio. “Siamo in una posizione eccellente, i risultati sono eccellenti, lo sono anche i rapporti interni alla squadra, il mercato è stato ottimo ma sono concentrato sull’oggi – le sue parole a Sky Sport -. La serie A è difficile, ci sono 5 o 6 club che possono competere. Siamo concentrati, teniamo i piedi per terra, non voliamo solo perché ci sono buone notizie e aspettative. Le prime 5 partite non sono state facili ma grazie alla solidità della squadra e al carattere di Mancini le abbiamo vinte. Siamo felici, non possiamo negarlo. Le difficoltà della Juve? È una delle sorprese”.

CAPITOLO MANCINI — Più passa il tempo, più l’intesa fra Thohir e il tecnico aumenta. “Il rapporto con Mancini sta crescendo, chiaramente non lo conoscevo bene, è arrivato da un anno e ora parliamo molto al telefono e a volte per il fuso orario ci messaggiamo – racconta Thohir -. Crediamo nel progetto anche se non può essere un progetto perfetto perché business e vita non sono perfetti. Mancini ha un forte carattere, una grande personalità ed è un allenatore che facilita il lavoro. Il clima in squadra è positivo, dà grande sostegno anche all’aspetto commerciale del club perché anche lui è un’icona della società e come presidente e come società dobbiamo sostenerlo. La nostra filosofia è portare all’Inter le persone migliori e credo che stiamo costruendo qualcosa di interessante in questo momento”.

MERCATO — E se l’Inter a gennaio sarà in corsa per lo scudetto, Thohir non esclude altre mosse sul mercato. “Prima vediamo cosa succede a gennaio, ma anche se saremo primi dovremo continuare a concentrarci partita per partita. Ci saranno degli arrivi ma contestualmente a delle cessioni, non possiamo avere 30 giocatori ma solo 25, ma ci muoveremo ancora”, garantisce il presidente.

GAZZETTA DELLO SPORT