Il Papa proclama 13 nuovi cardinali, c’è anche Zenari

CSI DA PAPA FRANCESCO

Papa Francesco ha proclamato 13 nuovi cardinali, annunciando il prossimo Concistoro per il 19 novembre, il giorno che precede la chiusura solenne dell’Anno Santo straordinario della Misericordia. L’annuncio è arrivato al termine della recita dell’Angelus, in piazza San Pietro, seguito alla messa per la celebrazione del Giubileo Mariano.

L’unico italiano in elenco è monsignor Mario Zenari, “che rimane nunzio apostolico nell’amata e martoriata Siria”, come ha tenuto a precisare il Papa. Gli altri destinati alla porpora cardinalizia sono: Dieudonné Nzapalainga arcivescovo di Bangui (Centrafrica), Carlos Osoro Sierra arcivescovo di Madrid (Spagna), Sergio da Rocha arcivescovo di Brasilia (Brasile), Blase Cupich arcivescovo di Chicago (Usa), Patrick D’Rozario arcivescovo di Dacca (Bangladesh), Baltazar Enrique Porras Cardozo arcivescovo di Merida (Venezuela), Jozef De Kesel arcivescovo di Bruxelles (Belgio), Maurice Piat arcivescovo di Port-Louis (Mauricius), Kevin Joseph Farrell prefetto del dicastero vaticano per i Laici, la Famiglia e la Vita (Usa), Carlos Aguiar Retes arcivescovo di Tlalnepantla (Messico), John Ribat arcivescovo di Port Moresby (Papua – Nuova Guinea), Joseph William Tobin arcivescovo di Indianapolis (Usa).

Il Papa ha anche annunciato che ai membri del Collegio Cardinalizio unirà anche due arcivescovi e un vescovo emeriti “che si sono distinti nel loro servizio pastorale” e un presbitero “che ha reso una chiara testimonianza cristiana”, spiegando che “essi rappresentano tanti vescovi e sacerdoti che in tutta la Chiesa edificano il Popolo di Dio, annunciando l’amore misericordioso di Dio nella cura quotidiana del gregge del Signore e nella confessione della fede”.

I prescelti sono monsignor Anthony Soter Fernandez arcivescovo emerito di Kuala Lumpur (Malaysia), monsignor Renato Corti arcivescovo emerito di Novara (Italia), monsignor Sebastian Koto Khoarai, vescovo emerito di Mohale’s Hoek (Lesotho) e il reverendo Ernest Simoni presbitero dell’arcidiocesi di Scutari (Albania).

ADNKRONOS