Giorgione vive

GIORGIO CHINAGLIA

Due anni fa moriva Giorgio Chinaglia, è stato l’unico personaggio dello sport del quale ho avuto timore reverenziale. Mi era quasi impossibile intervistarlo, troppo forte il suo carisma. L’ho conosciuto bene quando era presidente della Lazio e poi via via nella sua vita da tifoso innamorato e idolo indiscusso dei laziali, fino all’epilogo negativo. Per troppo amore della sua Lazio fu coinvolto in una cosa più grande di lui. Mi dispiace non averlo potuto affiancare in quel sogno ma era troppo evidente che alcuni “giocavano” sul suo nome e sulla sua popolarità. Riposa in pace Giorgione.

Ilario Di Giovambattista