Frosinone per uscire dal tunnel

Frosinone Calcio Serie A

FROSINONE Uscire da questo momento difficile, senza se e senza ma. È questo l’imperativo che risuona negli spogliatoi di Frosinone e Torino, squadre con obiettivi diversi, ma che stanno vivendo la fase più difficile della loro stagione. Ventura e Stellone si affronteranno quest’oggi nell’anticipo delle 18, entrambi affamati di punti. La squadra canarina, come ha detto lo stesso mister sarà rivoluzionata rispetto alla partita con il Napoli. Spazio al 4-5-1 allora, con diverse assenze però.

La prima sarà quella dì Diakitè, nessun caso ha detto l’allenatore, confermando il fatto che il francese soffre di un problema tendineo, ma il giallo resta. Assenti anche Gori e Chibsah, tornano Rosi e Pavlovic. Saranno loro gli esterni difensivi, con Ajeti e Blanchard centrali, a centrocampo fiducia ancora a Kragl, mentre davanti Ciofani potrebbe osservare un turno di stop. «Servirà una gara d’attenzione, loro giocano a memoria e dovremo contrastarli sotto ogni aspetto». Queste le parole di Stellone che si dice convinto della rinascita del suo Frosinone: «Dobbiamo pensare solo a noi, non vedo impossibile questa partita e il fatto che nel giro di un mese potremo risalire la classifica».

Il gruppo è coeso e proprio dall’appartenenza, per Stellone arriverà la salvezza: «Siamo gli stessi che hanno battuto Carpi ed Empoli ed hanno messo in difficoltà la Lazio, potevamo fare più punti, ne usciremo con lo spirito di gruppo e di sacrificio». E il Torino? Per l’allenatore romano, ex capitano granata, si tratta di «una squadra che vuole rialzarsi e ci metterà in difficoltà, noi proveremo ad ottenere il massimo, uno o tre punti che siano».

Ventura per fare bottino pieno potrà disporre di Ciro Immobile, abile e arruolato per la gara dell’Olimpico, sarà lui al fianco di Belotti a guidare l’attacco granata nel 3-5-2 classico. Non convocato Maxi Lopez.

IL TEMPO