Fair Play finanziario, Uefa indaga su Roma e Inter

UEFA_LOGO
La Uefa ha aperto “indagini formali” per possibili violazioni del Fair Play finanziario tra il 2012 e il 2013. Inter e Roma sono tra le società coinvolte, insieme con altri 5 club che militano nelle coppe europee nella stagione in corso (Liverpool, Monaco, Besiktas, Sporting Lisbona e Krasnodar). I sette club “hanno rivelato un deficit di bilancio sulla base dei periodi contabili che chiudono nel 2012 e 2013 – recita la nota dell’Uefa – e dovranno fornire informazioni supplementari a ottobre e novembre”. I club “verranno monitorati durante le prossime settimane prima dei termini fissati”.

REPLICA ROMA — La Roma replica in una nota alla notizia, garantendo da subito la massima collaborazione con la federazione europea: “Siamo felici di aprire un dialogo costruttivo con la Uefa su questo tema: siamo certi che verranno riconosciuti i risultati ottenuti finora e che la nostra politica societaria possa essere considerata un modello per futuri investimenti nel calcio europeo. AS Roma sostiene gli sforzi fatti fin qui dalla Uefa a favore del Financial Fair Play, al fine di garantire una stabilità finanziaria nel settore calcio: tutto questo è in perfetta sintonia con le nostre strategie societarie. Soltanto tre anni fa l’attuale proprietà ha rilevato un Club in evidente difficoltà economica e ha messo in chiaro sin da subito che la Società sarebbe stata gestita come un’azienda finalizzata a massimizzare i successi economici di pari passo con le prestazioni sportive. Siamo davvero orgogliosi dei traguardi economici e agonistici raggiunti nel breve termine e siamo ancora più ottimisti guardando al futuro che ci aspetta”.

GAZZETTA DELLO SPORT