Dura la Curva Nord contro Lotito: “Basta non si entra più allo stadio e disdetti tutti gli abbonamenti tv”.

liberalalazio

Il monito, duro, del presidente Lotito è arrivato forte e chiaro nel pomeriggio di oggi: “Il clima è pesante, molti giocatori vogliono andare via dalla Lazio“. Immediata la risposta degli ultrà biancocelesti che, in serata, hanno diramato un comunicato in cui non si lascia alcun margine ad una possibile sospensione della protesta in atto ormai da mesi.

“Noi abbiamo deciso, da domenica non entreremo. Invitiamo comunque a lasciare la Curva Nord vuota, a non occupare posti che non vi appartengono. Noi amiamo la Lazio, la poniamo al centro della nostra vita, la viviamo sette giorni su sette e non solo nei novanta minuti della partita. Per lei diamo tutto noi stessi ma allo stesso tempo abbiamo un compito e un dovere important,  far rispettare ed onorare la Lazio e i tifosi della Lazio stessi”, scrivono i tifosi biancocelesti in una nota.

Che poi ricordano: “Per amore di questi colori abbiamo mandato giù tutto, ci siamo gettati alle spalle mille provocazioni arrivate da questa dirigenza. Abbiamo sentito per l’ennesima volta farneticanti dichiarazioni su un Hernanes incedibile, salvo poi venderlo a una diretta concorrente per un posto in Europa. Abbiamo sentito la proprietà della Lazio sminuire il malcontento. Non abbiamo avuto neanche la possibilità di fare domande illecite all’interno dello stadio, con gli striscioni che non sono stati fatti entrare”.

Infine ecco l’ennesimo attacco frontale nei confronti del presidente Lotito: “Noi non tolleriamo più la presenza di questo personaggio. Noi non tolleriamo più di dividere lo stadio con chi, con arroganza e prepotenza inaudita, sta sgretolando non solo la Lazio ma la lazialità. Noi, da Lazio-Parma, non entreremo.Ci organizzeremo per manifestare in piazza. Come gruppo non ci abboneremo fino alla fine della campagna acquisti, quando vaglieremo tutti insieme se le promesse saranno rispettate o disattese come sempre.

Noi non acquistiamo e non acquisteremo materiale e prodotti ufficiali. Ognuno di noi che ha sottoscritto un abbonamento tv invierà alla rispettiva piattaforma una promessa di disdetta, riconducibile solo ed esclusivamente alla gestione della Lazio. Uniti si può. Uniti si deve. Uniti riprendiamoci la nostra Lazio”.