De Silvestri: “Conte mi inorgoglisce”

ANTONIO CONTE

“Mi hanno reso molto orgoglioso le sue parole, dopo l’infortunio della scorsa stagione e i tanti mesi di riabilitazione. Mi ha dato uno stimolo in più. Ricevere la convocazione dopo la gara di domenica è stato bellissimo e non posso che ringraziarlo di questa opportunità”. Lorenzo De Silvestri ringrazia il ct Antonio Conte per il suo ritorno in maglia azzurra a 5 mesi dal grave infortunio subito nel match contro la Croazia valido per le qualificazioni all’Europeo.

Il ct azzurro nei giorni scorsi ha lodato la sua abnegazione per la causa della nazionale: “E’ un ragazzo che si è rotto il ginocchio per noi -ha sottolineato Conte- e che abbiamo deciso di convocare perché merita di stare qui. Questo è quello che cerco: giocatori che sono a disposizione a 360°”. Il terzino della Sampdoria si è fatto male in un’azione difensiva per evitare un gol: “Lo rifarei 100 volte -assicura in conferenza stampa dal ritiro di Coverciano in vista delle amichevoli con Belgio e Romania-. E’ un lavoro che deve fare un terzino quando gioca una gara fondamentale”.

De Silvestri è tornato a giocare solo domenica scorsa con la maglia blucerchiata. “Ho subito cercato un contrasto forte per mettermi alla prova, ed entrare in gara. Sono felice di aver retto 90′ contro la prima in classifica. Peccato non sia arrivato un risultato positivo”.

Ora l’obiettivo del 27enne romano è quello di essere convocato per l’Europeo della prossima estate: “Siamo in tanti a puntarci come è normale che sia perché la nazionale è ambita da tutti. L’Europeo è un sogno, un obiettivo, che voglio coltivare per tutta la stagione. Darò tutto per convincere il mister ed essere già oggi dopo i momenti difficili che ho provato è una bella soddisfazione”.

De Silvestri dice poi di ispirarsi a Zambrotta ed elogia i senatori del gruppo azzurro: “Zambrotta è un campione che ho studiato tantissimo. Ai senatori del gruppo invidio la concentrazione e la voglia di dare il massimo ogni giorno. Elementi fondamentali per un difensore e che per questo cerco di rubare durante ogni allenamento”.

Il 27enne romano spende anche belle parole per Andrea Pirlo: “Mi ha stupito ogni volta che sono venuto in Nazionale. Oltre ad essere un campione è un professionista incredibile, che ha sempre una parola per tutti. E’ un esempio per tutti quelli che si approcciano alla Nazionale come lo sono anche Buffon e Chiellini”.

De Silvestri chiude parlando del Belgio avversario degli azzurri venerdì e del ranking Fifa che vede l’Italia solo al 13° posto: “Sarà una gara importante, contro una squadra al vertice del ranking. Un test difficile come gli altri in programma, affrontarli è stata una scelta giusta. Sinceramente non ci sentiamo inferiori a nessuno, anche perché abbiamo vinto il girone di qualificazione. Noi però dobbiamo pensare solo a seguire le indicazioni del mister anche perché il ranking non ti aiuta a raggiungere traguardi importanti”.

SU ZENGA: “Gli ho fatto un grande in bocca al lupo anche se ho lavorato con lui solo per poco tempo. La società ha tutti i presupposti per trovare l’allenatore migliore -aggiunge il 27enne romano in conferenza stampa dal ritiro della nazionale a Coverciano-. Alla Samp siamo un gruppo unito e siamo a disposizione di chiunque arriverà”.

Rai Sport