Champions Roma, Totti: «È come prendere un pugno da Tyson»

TOTTI_CSKA

Totti mastica amaro per il pareggio beffa contro il Cska: “Abbiamo fatto un buon primo tempo – dice il capitano della Roma a Sky – però se sei una grande squadra devi venire qui e fare la partita, vincerla e soprattutto quando vai in vantaggio devi saperla gestire nel migliore dei modi. Purtroppo non ci siamo riusciti e agli ultimi 5 secondi abbiamo subito il gol del pareggio. Anche se oggi era difficilissimo giocare con la palla a terra per colpa del campo difficile e brutto, non cerchiamo nessuna scusa. Abbiamo fatto la nostra partita, volevamo assolutamente ottenere i 3 punti, però alla fine purtroppo è successo questo piccolo episodio che nessuno si sarebbe aspettato, perché pensavamo che la partita fosse finita”.

Sull’azione del gol subito
“L’unica cosa che abbiamo sbagliato è la gestione della palla, anche perché da grande squadra dovevamo gestirla meglio. Purtroppo non ci siamo riusciti. Da quella palla persa sono ripartiti e hanno fatto quel cross, mezzo cross e mezzo tiro, e purtroppo la palla è entrata”.

Avevate sofferto pochissimo.
“Di occasioni vere e proprie ne abbiamo avute più noi che loro, poi è normale che nel secondo tempo abbiamo faticato un po’ di più rispetto a come giochiamo noi. Però alla fine avevamo una squadra ben messa in campo, loro dovevano assolutamente ribaltare il risultato e purtroppo alla fine ci sono riusciti”.

Dopo le 5 partite fin qui giocate, che cosa può accadere nell’ultima partita con il Manchester City?
“Noi dobbiamo pensare solamente a noi stessi. Sapevamo di affrontare un girone difficile, dove ci davano tutti per spacciati, però alla fine dipende sempre da noi. E cercheremo di ottenere i tre punti a casa, davanti al nostro pubblico, che sicuramente ci darà una grande mano”.

La Roma di questa sera può battere la nuova Inter di Mancini, prossima avversaria in campionato?
“Adesso tutte le forze dobbiamo metterle sul campionato. Domenica è un’altra partita difficile. Hanno cambiato allenatore, sappiamo che è un grande motivatore, è un grande allenatore, perciò sarà una partita difficile. Poi affrontare l’Inter è sempre una partita particolare, però noi dobbiamo assolutamente mantenere il nostro ruolino di marcia in campionato e stare vicino alla Juve”.

Sei ancora scosso da questo pareggio?
“È come se avessi preso un cazzotto da Tyson oggi, perché purtroppo non me l’aspettavo. Poi per me era perfetto: un gol mio, 1-0, eri quasi qualificato. E poi purtroppo è successo quello che è successo”.

CORRIERE DELLO SPORT