Unioni Civili: Mattarella, neutrale; vigilo costituzionalità

Sergio-Mattarella

Houston – Il dibattito sulle unioni civili insegue il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, fino a Houston, in Texas, ultima tappa della su visita negli Stati Uniti, la prima da capo dello Stato. A sollevare la questione sono stati i giornalisti dello Houston Chronicle durante un’intervista, secondo quanto riferito da fonti italiane. “Non vi posso rispondere perché ogni mio riferimento avrebbe un impatto che minerebbe la mia imparzialita’”, ha dichiarato Mattarella ricordanco che “in Italia il presidente non ha poteri di governo ma è arbitro. Non deve sposare una tesi o l’altra – ha detto – io ho il dovere di essere neutrale. Devo solo controllare quello che fanno il governo e il parlmento affinche’ i provvedimenti di legge siano conformi alla Costituzione”.

Incalzato poi dai giornalisti italiani ha ribadito il suo no comment. Al quotidiano “ho risposto che siccome su questo argomento non ho fatto dichiarazioni ai giornalisti italiani, non potevo farle a loro perché altrimenti gli italiani mi toglievano il saluto”. Durante l’intervista è stato affrontato anche il tema della pena di morte. Il Texas è lo stato americano con il primato di esecuzioni capitali, con 13 persone uccise con l’iniezione letale nel 2013 e 9 in programma entro giugno, di cui una già eseguita. L’Italia, come è noto, è contraria alla pena di morte e “a livello internazionale è favorevole ad una moratoria – ha spiegato il presidente – il divieto è contenuto nella nostra costituzione. La mia opinione personale è che non è mai stato un deterrente efficace ma rispetto tutte le opinioni”.

Sul fronte della parità dei diritti per donne in Italia sono stati fatti passi avanti, ha affermato il capo dello Stato incalzato dai giornalisti texani, “le donne giuduci hanno superato gli uomini e nel governo metà sono donne”.

L’Italia è tra i paesi più stabili in Europa ha assicurato Mattarella, allo Houston Chronicle. “Oggi in Europa l’Italia e’ il paese con maggiore stabilità per una serie di circoistanze esterne e ha un prospettiva legislatura”, ha detto il capo dello Stato al quotidiano della capitale dell’energia, senza far riferimento ai casi specifici ma il 2017 è l’anno delle elezioni presidenziali in Francia e delle elezioni legislative in Germania.

A margine dell’incontro con la comunità italo-americana di Houston, Mattarella ha confermato alla stampa italiana che l’intervista al Chronicle e’ stata l’occasione “per parlare delle stabilita’ che vi e’ in Italia e che non vi è in altri paesi. Questa immagine di stabilità non è provocata dalla mia visita – ha tenuto a sottolineare il capo dello Stato – è un’immagine che e’ nelle condizioni. Abbiamo parlato della stabilità che vi è in Italia e che non vi è in altri Paesi dell’Unione europea in questo periodo” e anche in passato, quando i governi si avvicendavano, si trattava spesso di rimpasti, la linea politica non cambiava.

AGI