Tragedia all’Ikea: In ricordo del piccolo Franceso

Manovra Respiratoria

Un secondo e tutto muta. Sei improvvisamente catapultato in un vuoto di assurda impotenza. Lentamente senti strapparti il cuore, soffochi insieme a lui, fino a che tutto si interrompe e cala il silenzio. Pochi ricordi, tante domande. Francesco ci lascia, lascia la sua casa, lascia i suoi giochi e ci saluta. Saluta questo mondo, saluta genitori, nonni, parenti, amici grandi e piccoli. Francesco saluta. Si, è meglio dirci che saluta. Diventa più sopportabile pensare che si tratta solo di questo. Francesco ci ha solo detto ..ao , alla sua maniera,

ma è dolore che lacera. Perché illudere, perché donare e poi togliere in modo così violento e prematuro. Quale risposta. Quale consolazione. L’umana razionalità non può dare risposte e tutto diventa senza senso. Ma ecco, qualcosa improvvisamente ti invade, una voce rimbomba dentro, cerca di svegliarti, di scuoterti, di dirti che la morte non ha vinto, che la morte ti sta solo ingannando. Un’intima certezza dice che la

storia di Francesco non può finire qui. Un’intima certezza dice che Francesco in qualche modo è ancora tra noi. Ci guarda, ci protegge, ci guida. Un’intima certezza dice che la vita terrena di Francesco è solo un periodo di eternità. Quell’eternità che nasce da un pensiero che muta nel tempo, ma che non finisce mai. Quell’eternità dalla quale la morte vuole solo distoglierci.

Ecco, di colpo tutto è più chiaro, tutto ha più senso. Ha un senso pensare che questa vita è solo un tempo, un tempo che è stato donato anche a Francesco, un tempo che resterà segno indelebile nella sua eternità, nell’eternità dei suoi cari e nell’eternità di tutti noi. Ha un senso sapere che quel pensiero rimarrà per sempre. Ha un senso sapere che attraverso Francesco la morte è stata nuovamente sconfitta, mentre noi abbiamo fatto un altro passo verso la verità. Ha un senso sapere che quel pensiero ora viaggia nell’eternità, quel pensiero ha finalmente un nome, quel pensiero è diventato un angelo chiamato Francesco.

Nicola Petruzzelli