Thohir: «Mancini e Icardi restano all’Inter»

MANCINI_INT

NEW YORK – Roberto Mancini e Mauro Icardi restano all’Inter. Parola di Erick Thohir che ieri, in una pausa del manager meeting, ha spento i due casi dell’estate nerazzurri parlando a Inter Channel. “Mancini è il nostro allenatore – ha detto il presidente – e qui negli Stati Uniti sta lavorando sul campo e anche con il management. Credo molto nel suo lavoro. Qui stiamo lavorando tutti insieme, nei prossimi due giorni ci incontreremo ancora per darci supporto l’uno con l’altro. Credo molto nella struttura del management, lavoriamo come un unico team, non in maniera individuale”. Un modo per far capire al tecnico che non tutte le sue indicazioni di mercato potranno essere rispettate e accontentate. “Con il Suning abbiamo discusso di come rinforzare la squadra: abbiamo ceduto alcuni giocatori(Juan Jesus, Biraghi e Laxalt, ndr) e portato nuovi acquisti validissimi per completare la rosa dei 21 per l’Europa League (Banega, Erkin e Ansaldi, ndr). È abbastanza? No, Suning e noi come dirigenza vogliamo rafforzare la squadra ancora di più per essere competitivi in Serie A e raggiungere i nostri obiettivi, tra cui quello di tornare in Champions League”.

ICARDI RESTA – Chiuso anche il caso dell’attaccante al quale sarà allungato il contratto con tanto di adeguamento. “Non venderemo Icardi. Abbiamo ricevuto offerte anche dal Napoli ma non lo venderemo. Un anno fa ad Icardi abbiamo prolungato il contratto, siamo come una famiglia, possiamo sempre parlare se ci sono problemi o discutere di cosa vorremo fare insieme in futuro. È il nostro capitano ed è un giocatore importante per noi, siamo molto contenti di lui”. Wanda Nara, che ha parlato via sms e whatsapp a una tv argentina, avrà esultato. “Il Napoli– ha detto la showgirl – gli offrire 7 milioni più 3 per i diritti d’immagine. Lo volevano tutti: presidente, allenatore e giocatori, ma Mauro resterà a Milano. Lo aveva chiesto anche la Juventus prima di Higuain, ma l’Inter non lo ha ceduto”. Adesso avrà un contratto fino al 2020. E vissero felici e contenti…

CORRIEREDELLOSPORT.IT