Serie A – Conte/Agnelli così vicini così lontani.

large_131016-193256_to300613spo_5558_41455_immagine_ts673_400

Andrea Agnelli, Beppe Marotta e Antonio Conte hanno viaggiato insieme da Roma a Torino. Sono nello stesso albergo fino a domani pomeriggio. Ritorneranno insieme a Torino domani sera. E’ vero che nei pressi di una partita, qualsiasi partita, il tecnico bianconero non è esattamente nelle condizioni migliori per chiacchierare, ma un intero weekend passato a pochi metri di distanza rende alquanto relativi i discorsi sui summit, i vertici e gli incontri fissati, saltati o rinviati. Conte e la società possono parlarsi quanto vogliono e quando vogliono. E probabilmente lo stanno facendo, dopo averlo iniziato a fare da giovedì.

LE POSIZIONI Insomma, non è questione di vertici che vanno bene o vanno male, ma di posizioni che un passo per volta possono avvicinarsi o allontanarsi. La dinamica è legata a bel po’ di fattori: non è solo questione di nomi di mercato che piacciono o non piacciono, ma di progettualità di fondo. Premesso che Agnelli e Conte condividono il sogno di poter portare un’altra Champions nella bacheca del J-Musem, devono trovare una convergenza sulla strada da percorrere. Perché la ricerca dell’equilibrio economico-finanziario inevitabilmente rallenta il raggiungimento della competitività europea. Ma sul primo punto la proprietà bianconera non transige.

L’OTTIMISMO In questi giorni complessi e tormentati, nell’animo di Conte si confrontano il sogno di una grande campagna acquisti da una parte e il viscerale amore per la Juventus e la grande riconoscenza nei confronti di Agnelli e del club dall’altra. Da parte sua Agnelli sta facendo di tutto per tranquillizzare Conte, provato da una stagione assai stressante. C’è ottimismo nella dirigenza bianconera, i messaggi che arrivano dai vertici sono di grande serenità. «E’ tutto tranquillo, non esiste nessun problema», viene ripetuto. Beh, qualcuno magari esiste, ma – chissà – forse il cielo sulla Juve è meno burrascoso di quanto si evince, ricostruendo lo scenario attraverso silenzi, racconti e indiscrezioni.

da tuttosport